Home Case History Walley Design always on con la nuova infrastruttura di Syneto

Walley Design always on con la nuova infrastruttura di Syneto

-

Tempo di lettura: 2 minuti

Always-On, ovvero avere una connessione perenne h24 e 365 giorni all’anno: è questa la nuova parola d’ordine nel settore informatico. Questa necessità è ancora più fondamentale per le aziende e per il loro business, ma non sempre le infrastrutture IT sono aggiornate, e se sottoposte ad un alto livello di operatività possono incorrere in episodi di downtime che mettono a serio rischio l’attività. Per evitare queste spiacevoli situazioni Walley Design, società di ingegneria italiana che offre studi di fattibilità, sviluppo di servizi d’ingegneria di base e di dettaglio, assistenza all’approvvigionamento ed attività di assistenza impianto nei settori Oil & Gas, Chimico e Petrolchimico, Farmaceutico etc., ha scelto Syneto.

L’azienda aveva necessità di implementare l’infrastruttura IT e adattarla alle esigenze generali e ai bilanci delle PMI. Per fare questo doveva avere la certezza che i dati sensibili del progetto fossero protetti e che potessero essere facilmente recuperati nel minor tempo possibile in caso di incidenti informatici, per evitare che l’attività venisse interrotta. Un’altra importante esigenza era trovare una soluzione adatta all’esecuzione di applicazioni ad alta intensità di risorse come CAD (2D/3D), software PDM e software di calcolo strutturale, tutti elementi fondamentali per il business.

Per tutti questi motivi, la scelta di Walley Design è ricaduta sulla soluzione iperconvergente di Syneto che utilizza VMware ESXi come hypervisor. Si tratta di un modello che offre una tecnologia di nuova generazione, che ha dimostrato di rispondere a pieno alle esigenze aziendali di protezione dei dati e di mantenere al massimo il livello di prestazioni, grazie ad un Recovery Time Objective (RTO) affidabile con tempo di ripristino delle informazioni di soli 15 minuti a seguito di un incidente informatico e al Recovery Point Objective (RPO) di appena 1 minuto che assicura la riduzione al minimo della perdita di dati.

“Abbiamo scelto Syneto per la stabilità e le prestazioni della soluzione, ma anche per il sistema di replica, che riduce i tempi di backup e aumenta la sicurezza grazie alle sue capacità di conservazione e ai tempi di ripristino”, ha dichiarato Roberto Rambaldini – CEO di Walley Design.

Inoltre, tra i numerosi vantaggi portati dall’adozione della soluzione Syneto è importante sottolineare che trattandosi di un sistema di gestione “one-click”, il team IT aziendale investe pochissimo tempo nella gestione dell’infrastruttura.

Redazione BitMAThttps://www.bitmat.it/
BitMAT Edizioni è una casa editrice che ha sede a Milano con una copertura a 360° per quanto riguarda la comunicazione rivolta agli specialisti dell'lnformation & Communication Technology.
  • Newsletter

    Iscriviti alla Newsletter per ricevere gli aggiornamenti dai portali di BitMAT Edizioni.

  • I più letti

    Zhejiang Online Fair: la app che porta le imprese italiane in Cina

    Zhejiang Online Fair: la app che porta le imprese italiane in Cina

    Il calendario degli eventi: Expo online Textile, Aerospace, Construction & Design, Food, Life Science, Manufacturing
    Workplace Hub Pro

    Konica Minolta lancia Workplace Hub Pro: ultima versione della piattaforma all-in-one per la gestione...

    Le aziende possono così avere un’infrastruttura IT completa con assistenza inclusa, pagando semplicemente un canone mensile
    Social Network: quanto li hanno usati gli italiani nel 2020?

    Social Network: quanto li hanno usati gli italiani nel 2020?

    I nostri connazionali passano quasi 2 ore ogni giorno sui social, con un aumento dell'81% durante la quarantena
    L'impegno di Google per la sostenibilità ambientale

    L’impegno di Google per la sostenibilità ambientale

    La prima grande azienda tecnologica che si impegna a operare 24 ore su 24 senza emissioni di carbonio entro il 2030
    Qbot al quarto posto dei malware più diffusi in Italia in agosto

    Qbot al quarto posto dei malware più diffusi in Italia in agosto

    Visto per la prima volta nel 2008, ora utilizza sofisticate tecniche ransomware e di furto di credenziali