Il centro di ricerca della NASA sta esplorando nuovi approcci alla progettazione di un lander interplanetario

Jet Propulsory Laboratory
Tempo di lettura: 1 minuto

In occasione di Autodesk University, tenutosi a metà novembre a Las Vegas, Autodesk ha presentato i primi risultati di un progetto di ricerca collaborativa pluriennale grazie al quale il Jet Propulsory Laboratory della NASA potrà esplorare nuovi approcci ai processi di progettazione e produzione per l’esplorazione dello spazio, con l’applicazione personalizzata della tecnologia di generative design di Autodesk.

In occasione dell’evento è stato presentato il concept di un lander interplanetario, la struttura forse più complicata mai creata utilizzando il design generativo.

La progettazione generativa è un approccio di progettazione relativamente nuovo che utilizza l’intelligenza delle macchine e il cloud computing per generare rapidamente un’ampia gamma di soluzioni di progettazione che si adattano a vincoli specifici stabiliti dagli ingegneri. Consente ai team dedicati di esplorare modalità di progettazione più ampie, pur aderendo strettamente a requisiti di produzione e prestazioni ben definiti.

Nel caso del team JPL di NASA è stato esplorato l’uso della tecnologia sperimentale di progettazione generativa per molteplici componenti strutturali del lander, tra cui la struttura interna che contiene gli strumenti scientifici e la struttura esterna. Il team è stato in grado di ridurre la massa della struttura esterna del 35% rispetto al progetto di base con cui è partito.