50 al servizio dell’innovazione nel mondo dei computer

Intel
Tempo di lettura: 2 minuti

Nel 2018 ricorre il cinquantesimo anniversario della fondazione della società di Intel, un momento importante della storia della società.

Dal lancio rivoluzionario del microprocessore Intel 4004 del 1971 agli Ultrabook e ai 2 in 1 che hanno trasformato il settore dei PC, Intel è stata al centro dell’innovazione e, grazie alla continua collaborazione con l’ecosistema, continua a dimostrare il proprio impegno nel ridefinire i PC.

La storia inizia nel 1968, quando compare il primo mouse. Si tratta di una innovazione rivoluzionaria, destinata a cambiare per sempre il modo in cui le persone interagiscono con i computer.

Nel 1971, Intel lancia il primo microprocessore commerciale, il 4004, che consente finalmente di ridurre le dimensioni dei computer.

Nel 1975, arriva sul mercato il primo personal computer, l’Altair 8880, basato sulla CPU Intel 8080: i computer sono finalmente alla portata di tutti.

Nel 1978, dal microprocessore 8086 nasce l’architettura x86, destinata a diventare la linea di processori Intel di maggior successo.

Nel 1980 arriva Osborne 1, il primo PC davvero portatile lanciato sul mercato.

Siamo arrivati al 1991, quando parte la campagna Intel Inside. Si tratta di una vera e propria rivoluzione nel modo in cui i consumatori pensano ai PC: la potenza diventa infatti requisito fondamentale per le decisioni di acquisto.

Nel 1993 avviene il lancio della linea di processori Pentium: si abbandona la denominazione numerica dei microprocessori, che da questo momento avranno sempre un nome.

È il 1996 quando Intel guida un gruppo di sette giganti della tecnologia nello sviluppo dell’interfaccia USB. È un passo decisivo, che rivoluzionerà per sempre il mondo della connettività aprendo la strada a Thunderbolt.

Nel 2003 nasce la tecnologia Centrino: il wireless integrato arriva nel mondo dei notebook.

Nel 2006, arriva sul mercato la piattaforma vPro, sviluppata per le aziende con funzionalità specifiche progettate a partire dal silicio.

Mentre le aziende produttrici di computer competono per offrire PC portatili sempre più piccoli e user friendly, nel 2007 nasce il netbook, che offre agli utenti un facile accesso a internet in qualsiasi luogo.

Nel 2011 Intel introduce gli Ultrabook, una nuova categoria di PC che utilizzano processori e unità a basso consumo, per ridurre il peso senza compromettere la durata della batteria.

Nel 2012 ha luogo un’altra trasformazione rivoluzionaria: inizia l’era dei PC 2 in 1.

Nel 2018, a 50 anni dalla sua nascita, Intel lancia il primo processore che racchiude una GPU direttamente nella CPU, insieme a memoria dedicata e ad elevata larghezza di banda. La tecnologia EMIB riduce l’ingombro del silicio rendendo il processore Intel Core di ottava generazione con grafica Radeon RX Vega M perfetto per i fattori di forma ridotti e aprendo la strada a nuove innovazioni future.

Intel_50anni Infografica