Oltre il 93% dei manager sta migrando almeno una parte dei processi nel cloud, ma la maggioranza è già cloud-only o prevede di diventarlo

cloud-computing
Tempo di lettura: 3 minuti

Secondo una recente ricerca di Commvault, specializzata nella protezione dei dati e nella gestione delle informazioni, l’81% dei responsabili aziendali – C-level e altri leader IT – è molto preoccupato del non godere dei vantaggi del cloud. La ricerca, condotta in collaborazione con la società di ricerche IT CITO Research, mostra come CEO, CIO e CTO abbiano un concreto timore di perdersi i benefici offerti dal cloud.

Dalla ricerca emerge che è la paura di restare indietro nel cloud a spingere i responsabili di business a tutta velocità verso strategie cloud, con il 93% degli intervistati che ha spiegato di aver già trasferito almeno alcuni dei propri processi nel cloud o di stare per farlo. Inoltre, il 56% ha dichiarato che intende trasferire nel cloud tutti i propri processi, e non solo alcuni, se non l’ha già fatto.

La survey mostra senza dubbio che la paura di restare indietro nel cloud è concreta e che, nella mente dei responsabili IT che intendono portare alla loro organizzazione tutti i vantaggi di questa nuova frontiera, funge da driver strategico per una maggiore agilità di business”, spiega Dan Woods, CTO di CITO Research. “La ricerca indica anche che il passaggio al cloud stia avvenendo a pieno ritmo, anche se le aziende faticano ancora a capirne del tutto le potenzialità. Data protection e recovery sono stati indicati come area fondamentale sulla quale il cloud porta un impatto significativo di business.”

Implementare tecnologie cloud si conferma un modo efficace di portare la trasformazione digitale all’interno della propria azienda. E i responsabili IT sono giustamente preoccupati del poter restare al passo con gli sviluppi del cloud”, aggiunge Don Foster, Senior Director of Solutions Marketing di Commvault. “Per essere innovativi in questa trasformazione, le organizzazioni di ogni dimensione devono avere una visione chiara del modo in cui questi nuovi sviluppi consentano di trovare modi nuovi ed efficaci per trasferire, gestire, proteggere i dati, e soprattutto usarli nel modo migliore grazie a tecnologie cloud, sia on-premise sia affidandosi a un cloud provider. I risultati di questa survey mostrano come la paura di perdere i vantaggi del cloud sia concreta, in linea con quello che Commvault vede sulla propria clientela, che si affida a noi come partner strategico di fiducia, grazie all’unica piattaforma di data management del mercato che consente loro di trasferire, gestire e utilizzare in modo coerente i dati tra location on-premise e nel cloud.”

La ricerca ha mostrato come il 75% dei responsabili aziendali abbia indicato data protection e backup come uno dei progetti cloud con il massimo impatto sul business – più di ogni altro progetto. Nonostante questo, il 63% si dichiara molto preoccupato della sua capacità di recuperare dati velocemente dal cloud.

La nostra esperienza mostra chiaramente che queste preoccupazioni arrivano da clienti che comprendono la necessità di strumenti superiori rispetto a quelli nativi per un semplice backup di base”, continua Don Foster. “I clienti sono sempre più consapevoli della necessità di disporre di soluzioni olistiche di backup e recovery, a garanzia dalla possibilità di proteggere e recuperare sempre i propri dati, indipendentemente dal fatto che si trovino on-premise o nel cloud.”