L’iniziativa tecnico-scientifica per lo sviluppo di imprese innovative nel mercato dell’Information Technology e per la formazione di un ecosistema di startup e talenti imprenditoriali

Tempo di lettura: 5 minuti

AREA Science Park, il primo parco scientifico e tecnologico nazionale che opera sotto il controllo del MIUR – Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e Teorema Engineering, azienda italiana di IT focalizzata nel supportare le aziende nei loro processi di Digital Transformation, inaugurano TILT (Teorema Incubation Lab Trieste), il primo Digital Hub in Italia per lo sviluppo di startup nell’Information Technology.

Ideata da Teorema, l’iniziativa TILT è realizzata in partnership con AREA Science Park, in collaborazione con l’Università degli Studi di Trieste e Microsoft e il contributo del Comune di Trieste.

TILT è un ecosistema di competenze ed eccellenze sul territorio, frutto della collaborazione tra mondo delle Istituzioni Pubbliche e mondo privato, dedicato a giovani, startup e imprese innovative dell’Information Technology. Offre a chi vi partecipa tutta la struttura e tutti i servizi necessari alla formazione e all’avvio al mercato di un’impresa, ossia, in sintesi: education, laboratori e ricerca; supporto nella realizzazione del business plan, amministrativo e gestionale; sede e spazi di lavoro all’interno di AREA Science Park; tecnologia Microsoft; il supporto di marketing per la promozione e la rete commerciale per l’ingresso nel mercato; l’accesso a un network di finanziatori. Inoltre, per chi non ha ancora la possibilità di dedicarsi allo sviluppo, Teorema Engineering mette anche a disposizione tutto l’hardware ed il software necessari oltre a condividere prototipi di programmi e progetti, parte del patrimonio intellettuale di Teorema.

Con la nascita di TILT, Trieste ospita il primo distretto in Italia dedicato interamente all’innovazione tecnologica. La città, attraverso il patrocinio del Comune, sostiene la creazione di un ambiente di startup e imprese, motore di sviluppo, combinazione di creatività e visione, che valorizza l’area, storicamente legata al mondo della scienza e della tecnologia, attirando imprese innovative e investimenti nazionali e internazionali. L’obiettivo è fondare un distretto altamente tecnologico che agisca da polo attrattore per l’insediamento di imprese innovative e il loro sviluppo nel mercato dell’Information Technology.

Il Comune di Trieste ha scelto con entusiasmo e da subito di essere parte di TILT – dichiara il Sindaco di Trieste Roberto Cosolini. – Avevo incontrato Purassanta, AD di Microsoft, in occasione di un Digital Day e parlando lui e con Michele Balbi, Presidente di Teorema, abbiamo gettato le basi per questo progetto. Trieste città della scienza e della ricerca. Trieste città attenta alle aspettative e alle prospettive professionali dei giovani. Trieste, da oggi, nuova Silicon Valley d’Italia con la nascita di questo distretto tecnologico dedicato all’innovazione. Qui i giovani startupper potranno trovare terreno favorevole allo sviluppo concreto e fattivo delle loro idee grazie a una virtuosa collaborazione tra pubblico e privato che valorizza le competenze e le eccellenze della nostra città“.

Oggi stiamo inaugurando un’iniziativa di cui siamo davvero orgogliosi e in cui vogliamo investire risorse importanti sia in termini di persone sia di asset perché crediamo che sia un’opportunità unica e concreta per i giovani. Vogliamo restituire alla comunità il valore che ci ha dato quando abbiamo iniziato noi grazie a un terreno scientifico e produttivo fertile, apportando in più la visione, l’innovazione e le competenze che abbiamo sviluppato in tanti anni di lavoro”, afferma Michele Balbi, presidente di Teorema Engineering.

L’iniziativa sfrutta le competenze maturate da Teorema, da oltre vent’anni nel mercato, che opera come una IT factory supportando le imprese nel loro percorso evolutivo. Da sempre legata al mondo della ricerca e dell’Università, Teorema intende contribuire alla valorizzazione dei talenti e delle capacità imprenditoriali proprio nell’area che ha visto nascere e crescere l’azienda e il suo fondatore, Michele Balbi. Così come per lo sviluppo di Teorema, che oggi occupa circa 120 persone in Italia, il contesto scientifico-tecnologico di AREA e dell’Università ha un ruolo comprimario per il successo di TILT; solo con il supporto e la partecipazione attiva del mondo scientifico è possibile raccogliere e selezionare eccellenze nella ricerca, nuovi talenti e idee.

AREA Science Park, parco scientifico multisettoriale in cui Teorema affonda le sue radici, rappresenta il mondo tecnologico e imprenditoriale in cui le startup selezionate da TILT possono svilupparsi a fianco delle realtà più innovative. Oltre a offrire gli spazi all’interno dei suoi campus, AREA supporta il business planning realizzato da Innovation Factory, incubatore certificato di AREA Science Park, e contribuisce alla selezione delle startup e alla gestione del Comitato etico-scientifico. Inoltre si occupa di promuovere TILT sul territorio, forte delle relazioni con la comunità imprenditoriale del Friuli Venezia Giulia, con cui AREA ha relazioni consolidate fin dalla fondazione.

La selezione delle startup avviene in base al livello di innovazione proposto dal progetto e alla coerenza e strategicità rispetto alle attività di Teorema e dei partner nel mercato dell’Information Technology, in particolare nello sviluppo di progetti di IOT (Internet of Things), digital marketing, e-commerce ed e-malls, maker e bots, realtà virtuale e augmented reality, applicazioni mobile e sviluppo di nuove tecnologie che attivano la digital trasformation. TILT ha ricevuto a oggi 60 progetti, ne ha approfonditi 12 e ha scelto 2 startup all’avvio.

Nel corso dell’evento, TILT presenta le startup già inserite nel progetto, e le attività che saranno lanciate nei prossimi mesi: School of Startup (SOS), percorso formativo, un’esperienza di 6 mesi per neolaureati e laureandi che vogliono sperimentare la vita in una startup, dal business plan alla realizzazione del progetto, senza impegnare capitali o rischiare investimenti. I progetti realizzati da SOS sono orientati al mondo del no profit e al servizio della comunità. Inoltre, dal 2 Maggio si aprirà il nuovo bando per startup che vogliono entrare in TILT.