La transazione unisce due piattaforme leader nel workspace con soluzioni SaaS di gestione del lavoro di altissimo livello, inaugurando una nuova era per la produttività

Citrix Workspace: nuovi standard di sicurezza per il lavoro remoto

Citrix  ha siglato un accordo definitivo per l’acquisizione di  Wrike, piattaforma SaaS leader nell’ambito del “collaborative work management”, per una cifra pari a 2,25 miliardi di dollari cash.

L’acquisizione porterà all’unione della potente piattaforma di Citrix per il lavoro digitale, che distribuisce in piena sicurezza le risorse necessarie affinché un lavoratore possa essere produttivo all’interno di un un’esperienza d’uso unificata, e l’innovativa soluzione di gestione del lavoro di Wrike, che razionalizza i processi di collaborazione e di esecuzione del lavoro mettendo a disposizione nuovi strumenti per essere più efficienti, in sicurezza ovunque ci si trovi. L’aggiunta delle funzionalità cloud di Wrike aiuterà ad accelerare la transizione del modello di business di Citrix verso il Cloud e la sua strategia finalizzata a diventare una piattaforma completamente basata su SaaS per rispondere alle necessità dei diversi dipartimenti aziendali.

Quest’offerta combinata metterà a disposizione dei clienti servizi a valore aggiunto grazie a soluzioni complementari che apriranno nuove opportunità di crescita sia con l’attuale base clienti che con nuove linee di business tra cui il marketing, i servizi professionali e le Risorse Umane. Insieme, Citrix e Wrike lavoreranno con 400.000 clienti in 140 Paesi. Inoltre, Wrike avrà accesso al solido ecosistema di partner di Citrix con nuove opportunità per creare valore per i suoi clienti.

Con sede a San Josè, California, e con oltre 1000 dipendenti, Wrike, azienda di Vista Equity Partners, conta circa 18.000 clienti in tutto il mondo con soluzioni che permettono a team di lavoro distribuiti di pianificare, gestire e completare in modo effciente il proprio lavoro, su larga scala. La crescita di Wrike su base autonoma è stimata attorno al 30% pari a una cifra tra i 180 e I 190 milioni di dollari in in entrate SaaS ricorrenti annualizzate (ARR[1]) nel 2021, con la possibilità di accelerare la crescita nel tempo, sotto la proprietà di Citrix.