I dipendenti si aspettano che una gestione ottimale del workplace ibrido, in cui presenza in ufficio e remote working coesistono

Gestire le risorse umane con l'Onboarding digitale
Tempo di lettura: 2 minuti

Secondo nuova ricerca promossa da Ricoh, le piccole aziende di tutta Europa rischiano di non riuscire a valorizzare i migliori talenti a causa delle insoddisfazioni derivanti dall’inadeguatezza delle tecnologie per il remote working. Quando è iniziata l’emergenza Covid-19, le aziende sono state costrette da un giorno all’altro ad attuare il lavoro da remoto a tempo pieno. Molte delle piccole imprese sono riuscite a fronteggiare la situazione nel breve termine, ma questo non è sufficiente e il gap tecnologico emerso durante il lockdown deve essere colmato. I dipendenti si aspettano inoltre che le aziende siano in grado di gestire in modo ottimale un workplace ibrido, in cui presenza in ufficio e remote working coesistono. Questi sono, in sintesi, i risultati di nuova ricerca promossa da Ricoh e condotta da Opinium Research coinvolgendo 1.300 dipendenti di tutta Europa.

Colmare il gap tecnologico

Dallo studio emerge come il 48% del campione d’indagine abbia dovuto utilizzare dispositivi personali per lavorare da remoto durante i primi mesi della pandemia. Molto spesso queste attrezzature non sono adeguate a supportare la produttività e, inevitabilmente, portano con sé rischi per la sicurezza dei dati e delle informazioni.

Dalla ricerca è inoltre emerso:

  • il 69% del campione dichiara di avere le competenze necessarie per lavorare da remoto
  • il 24% afferma di non avere a disposizione gli strumenti necessari per supportare in modo ottimale i clienti o per collaborare da remoto con i colleghi
  • il 29% trova difficile restare motivato e coinvolto quando lavora da remoto e questo a causa di problematiche tecniche che rendono difficoltosa la comunicazione

Non sorprende quindi che il 27% dei dipendenti stia valutando la possibilità di cambiare lavoro per cercare un’azienda in grado di gestire il remote working in modo efficiente.

I dipendenti si aspettano che la propria azienda aumenti gli sforzi affinché il workplace rimanga al passo con le nuove esigenze. I due terzi del campione (66%) vorrebbe lavorare con la stessa flessibilità con cui lavorava durante il lockdown e il 55% si aspetta che la propria organizzazione investa nelle tecnologie necessarie a ridisegnare il workplace del futuro. Questo significa rendere gli uffici più sicuri: il 40% degli intervistati non si sente tranquillo a tornare sul posto di lavoro, a meno che non vengano implementate soluzioni a tutela della sicurezza come termoscanner, sistemi touchless e stampa contactless.

David Mills, CEO di Ricoh Europe, commenta: “Se prima la trasformazione digitale poteva essere inclusa nei progetti a lungo termine, ora è diventata essenziale per la ripresa e la crescita delle piccole imprese. Senza le tecnologie che consentono ai dipendenti di lavorare in sicurezza ovunque si trovino, le aziende rischiano di perdere i migliori talenti. Sono le persone a fare la differenza e se queste passano alla concorrenza il rischio è quello di perdere anche clienti. I temi da affrontare per le piccole imprese sono davvero molteplici. Le priorità sono di certo cambiate nel corso del 2020 e l’innovazione tecnologica può aiutare queste aziende a superare le crisi e a rafforzare il business”.

La nuova ricerca Ricoh può essere scaricata qui.