Firmato il protocollo d’intesa tra Regione Lombardia e alcune banche (scopri quali) per anticipare la Cassa Integrazione ai lavoratori

Tempo di lettura: 1 minuto

Regione Lombardia, ABI, la Federazione lombarda delle BCC e le Parti sociali, hanno condiviso un Protocollo d’intesa per sostenere le anticipazioni della Cassa integrazione. I soldi saranno erogati dalle Banche, nell’ambito della Convenzione nazionale sottoscritta lo scorso 30 marzo da Governo, ABI e le Parti sociali.

Le Banche potranno erogare le anticipazioni a tutti i lavoratori occupati presso unità produttive della Lombardia, per il periodo che intercorre fra la richiesta da parte dell’azienda e la ricezione delle indennità erogata dall’INPS.

Regione Lombardia istituirà il “Fondo Anticipazione Sociale 2020”  per sostenere le anticipazioni effettuate dalle Banche.

Come funziona l’anticipazione:

1. L’azienda presenta domanda di Cassa integrazione.

2. L’azienda comunica al lavoratore di aver presentato la domanda.

3. Il lavoratore, con la comunicazione dell’azienda, contatta telefonicamente la propria banca per: a. richiedere l’anticipazione pari a 1.400 euro in caso di nove settimane di cassa integrazione; b. sottoscrivere il mandato irrevocabile alla banca a prelevare l’importo della Cassa Integrazione erogata dall’INPS a compensazione dell’anticipazione; c. trasmettere la lettera inviata ad INPS con cui ha indicato il conto corrente dove versare l’importo da cui la banca recupererà l’anticipazione.

(Le Banche stanno semplificando gli adempimenti per rispettare le misure di distanziamento sociale)

4. A seguito dell’autorizzazione, l’INPS erogherà l’indennità sul conto corrente del lavoratore e la banca recupererà l’importo anticipato.

Come presentare la domanda?

Per presentare domanda, i lavoratori possono telefonare direttamente al proprio istituto di credito,  consulta l’elenco delle banche aderenti al seguente link.

L’anticipazione massima concedibile è di 1.400 euro, nel caso di 9 settimane di cassa integrazione.