Il grande aumento di popolarità che sta interessando queste app ha attirato l’attenzione dei criminali informatici

Meeting di gruppo: 10 regole per la sicurezza
Tempo di lettura: 2 minuti

Le app per i meeting di gruppo sono ormai diventate popolari, ma negli ultimi giorni molte di esse si sono scontrate con problemi legati alla sicurezza informatica. L’aumento di popolarità di applicazioni come HouseParty e Zoom ha infatti destato anche l’interesse dei criminali informatici, mettendo in evidenza i possibili rischi legati all’uso di queste piattaforme. David Emm, Principal Security Researcher di Kaspersky ha condiviso alcuni consigli su come proteggersi quando si utilizzano applicazione per le conferenze di gruppo, che siano con i propri cari o di lavoro.

Il commento di David Emm

In momenti come questo le persone sono particolarmente interessate a trovare metodi semplici e facili da utilizzare per rimanere virtualmente in contatto con i propri cari. Spesso, pur di connettersi nel modo più veloce e comodo possibile, si trascurano però alcuni aspetti molto importanti. Fatta la premessa che ciascun utente ha la possibilità di decidere quanto della propria vita privata desidera rendere pubblica online, è importante sottolineare che prima di condividere qualsiasi cosa in rete è importante farsi delle domande e tenere a mente qualche regola. Questo consentirà agli utenti di potersi connettere al web in modo sicuro e di rimanere in contatto con i propri cari.

Domande da porsi prima di scaricare un’applicazione:

  • Da dove trae i propri guadagni l’applicazione che intendiamo scaricare? Se l’app è gratuita, il prezzo da pagare molto probabilmente saranno le informazioni personali degli utenti. È importante quindi controllare i permessi richiesti dalle app e verificare quali dati vengono raccolti, memorizzati e riutilizzati.
  • I dati trasmessi dall’applicazione vengono criptati?
  • Tenersi informati sulle tattiche di social engineering. Come si fa a sapere che le persone con cui veniamo in contatto utilizzando l’app siano realmente chi dicono di essere? Come possiamo verificare le informazioni o i link ricevuti?
  • Ricordarsi che niente e nessuno può considerarsi al sicuro al 100%. Anche se pensiamo di non essere interessanti per un criminale informatico, come potrebbe esserlo invece Jeff Bezos, siamo tutti potenziali vittime degli hacker interessati alle app

Di seguito dieci consigli per utilizzare qualsiasi tipo di applicazione:

  1. Controllare con molta attenzione le impostazioni di privacy e sicurezza
  2. Utilizzare password uniche e complesse per tutti gli account online
  3. Porre dei limiti a ciò che può essere visto e condiviso
  4. Non dare la propria fiducia a qualcuno senza aver fatto prima delle verifiche. Verificare con i suoi contatti che l’identità di chi vi ha contattato/o inviato un link su un’applicazione sia reale
  5. Disattivare le funzioni che non vengono utilizzare o che non sono necessarie per abilitare l’accesso (ad es. microfono, accesso alla telecamera, ecc.).
  6. Non condividere ciò che non si vuole rendere pubblico e visibile a tutti
  7. Segnalare gli abusi
  8. Proteggere tutti I vostri dispositivi con un prodotto di sicurezza Internet affidabile
  9. Installare gli aggiornamenti del sistema operativo e delle applicazioni non appena disponibili
  10. Se si tratta di riunioni di lavoro, attenersi all’app raccomandata/fornita dalla vostra azienda e non alla vostra app preferita per le video call di gruppo.