Home News Bilancio UE: Anitec-Assinform chiede di investire nel futuro

Bilancio UE: Anitec-Assinform chiede di investire nel futuro

-

Tempo di lettura: 2 minuti

Il Primo Ministro Conte si riunirà con altri leader dell’UE il prossimo 20 febbraio a Bruxelles per un vertice straordinario sul bilancio UE, durante il quale si dovrà decidere se investire nelle industrie del futuro o in quelle del passato. Nei giorni scorsi DIGITALEUROPE – l’Associazione delle aziende ICT a livello europeo – rappresentata dal direttore generale Cecilia Bonefeld-Dahl e da 24 associazioni nazionali del settore digitale tra cui Anitec-Assinform ‐ l’Associazione delle imprese ICT di Confindustria – hanno scritto al presidente Charles Michel e ai propri leader nazionali in vista del prossimo Consiglio straordinario europeo del 20 febbraio per chiedere investimenti mirati per guidare la trasformazione digitale, per competere a livello globale e creare posti di lavoro buoni e ben retribuiti.

Purtroppo, guardando all’attuale proposta per il bilancio dell’UE, i fondi stanziati per il digitale sono limitati al 3%. Per rendere l’Italia e l’Europa veramente adatte all’era digitale, DIGITALEUROPE e Anitec-Assinform, insieme alle altre associazioni, hanno inviato le seguenti raccomandazioni:

  • Aumentare dal 3% al 10% la quota della spesa di bilancio dell’UE per la trasformazione digitale.
  • Espandere in modo significativo il programma Digital Europe da 9,2 miliardi di euro a 25 miliardi di euro per massimizzare l’impatto a breve e medio termine sulla digitalizzazione delle competenze, dell’IA e delle PMI in tutta l’UE.
  • Integrare il digitale nel programma quadro Horizon Europe per la ricerca.
  • Stanziare spese specifiche per l’innovazione digitale da altri programmi di finanziamento, come la politica agricola comune o la politica di coesione
  • Aumentare i finanziamenti complessivi per la ricerca e lo sviluppo dal 2% al 3% del PIL dell’UE.

<p<Marco Gay, Presidente di Anitec-Assinform ha così commentato: “Abbiamo urgente bisogno di aumentare gli investimenti in infrastrutture e competenze per consentire alle nostre aziende di crescere e digitalizzarsi.”

“Il programma Europa digitale proposto dalla Commissione è un buon inizio – continua Gay. Per la prima volta, si destinano risorse alla creazione delle competenze digitali. Ciò contribuirà a promuovere lo sviluppo a breve termine e l’adozione di importanti tecnologie digitali. Tuttavia, 9,2 miliardi di euro sono molto poco rispetto ad alle concrete esigenze. Non stiamo cercando un aumento del bilancio generale, ma piuttosto una riallocazione delle risorse verso quei settori che promuoveranno la digitalizzazione e prepareranno l’Europa per il futuro.”

Redazione BitMAThttps://www.bitmat.it/
BitMAT Edizioni è una casa editrice che ha sede a Milano con una copertura a 360° per quanto riguarda la comunicazione rivolta agli specialisti dell'lnformation & Communication Technology.
  • Newsletter

    Iscriviti alla Newsletter per ricevere gli aggiornamenti dai portali di BitMAT Edizioni.

  • I più letti

    FONDIR sceglie la gestione documentale di Fujitsu

    FONDIR sceglie la gestione documentale di Fujitsu ed ELO Digital Office

    Dematerializzazione in completa conformità con le linee guida dell’Agenzia per l’Italia Digitale sul tema della dematerializzazione
    App MyNet per le risorse umane

    MyNet: la App per la gestione delle risorse umane

    Dalla startup friulana MyNet la piattaforma digitale che ottimizza le relazioni, migliora la gestione dei flussi di lavoro e aumenta l’efficienza in azienda. Tra i clienti Biofarma, Roncadin, Acquedotto di Novara, SECH Soutern European Container Hub, ADACI Associazione Italiana Acquisti e Supply Management
    Adozione del 5G e PIL mondiale: +8 mila miliardi entro il 2030

    Adozione del 5G e PIL mondiale: +8 mila miliardi entro il 2030

    Il COVID-19 sta accelerando l'investimento nel digitale a medio e lungo termine
    BPER Banca: customer experience innovativa grazie a Salesforce

    BPER Banca: customer experience innovativa grazie a Salesforce

    L'accordo di collaborazione pluriennale mette l'innovazione digitale al servizio del cliente
    Interplanetary Storm: la botnet affittata come rete proxy

    Interplanetary Storm: la botnet affittata come rete proxy

    9000 dispositivi coinvolti in 94 Paesi, tra cui l’Italia. Colpisce anche sistemi operativi Android e Linux