Il mese di aprile ha visto, a livello globale, un forte aumento del numero delle vulnerabilità in ambito SCADA

Come difendersi dal malware open source

Secondo i dati di Trend Micro Research, relativi alle minacce cyber del mese di aprile, l’Italia è il terzo Paese al mondo più colpito da attacchi malware. In totale sono stati 2.456.210 gli attacchi rivolti all’Italia e bloccati da Trend Micro. Il Paese arriva così sul podio di questa “speciale” classifica, preceduto al secondo posto dagli Stati Uniti e al primo dal Giappone. L’Italia ottiene anche un ottimo piazzamento nella categoria che prende in considerazione gli attacchi Macro Malware, è arrivata infatti quarta, facendo registrare 2.646 tipi di macro malware rilevati. In questa categoria il podio vede sempre il Giappone al primo posto, seguito da Cina e Stati Uniti.

Questi numeri sono stati rilevati dalla Smart Protection Network, la rete intelligente e globale di Trend Micro che individua e analizza le minacce e aggiorna costantemente il database online relativo agli incidenti cyber, che blocca gli attacchi in tempo reale grazie alla migliore intelligence disponibile sul mercato. La Smart Protection Network è costituita da oltre 250 milioni di sensori e blocca una media di 48 miliardi di minacce all’anno. Solo in aprile ha gestito 207 miliardi di query e fermato 4,3 miliardi di minacce, di cui il 90,5% arrivava via e-mail.

Ad aprile, un altro dato interessante riguarda le vulnerabilità SCADA, che hanno fatta registrare un +2,250% a livello globale. Questo dato è importante perché nel moderno contesto di Industry 4.0 che vede sempre più linee di produzione e reti di automazione connesse con le infrastrutture IP, i cybercriminali cercano di sfruttare falle non presidiate per introdursi nei sistemi e causare alle aziende ingenti danni economici e di reputazione. È importante mantenere un livello di protezione alto e che soddisfi tutte le esigenze della propria infrastruttura, perché questo trend è sicuramente destinato a crescere.