Adiconsum sollecita i consumatori a prestare attenzione alle proposte che riceveranno dalle aziende: dovranno sempre riportare la proposta di rimborso in bolletta

Bollette a 28 giorni: le aziende devono procedere coi rimborsi

La vicenda legale relativa ai rimborsi agli utenti per le bollette a 28 giorni è vicina alla conclusione. Il Consiglio di Stato ha rigettato la sospensiva richiesta dalle aziende nel procedere ai rimborsi, invitandole a predisporre un piano per procedere.

“È bene chiarire – dichiara Pierpaola Pietrantozzi, Segretario nazionale Adiconsum – che non è tutto deciso e che non si può ancora scrivere la parola fine a questa vicenda. Il Consiglio di Stato ha, infatti, fissato l’udienza per il prossimo 4 luglio.”

Le aziende telefoniche stanno già predisponendo delle offerte di servizi alternativi da proporre subito ai propri clienti.

“Non siamo contrari alla possibilità che il rimborso possa avvenire offrendo ai consumatori anche dei servizi gratuiti in sostituzione del rimborso in contanti sulle prossime bollette – prosegue Mauro Vergari, Responsabile dell’Ufficio Studi, Ricerche e Innovazioni Adiconsum – ma deve essere chiaro che solo il consumatore può decidere come farsi rimborsare!”

“Nelle proposte delle aziende dovrà sempre essere riportata anche la possibilità del rimborso in bolletta – continua Vergari. Adiconsum chiede, pertanto, all’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni (AGCOM) di vigilare affinché le procedure per ottenere i rimborsi siano uguali indipendentemente dalla loro tipologia.”

“Adiconsum – conclude Pietrantozziinvita tutti i consumatori a valutare con attenzione le eventuali proposte che riceveranno dalle aziende telefoniche, contattando per assistenza le sedi territoriali Adiconsum, sapendo che il diritto al rimborso monetario decade in caso di accettazione del servizio.”