Home News Qualcomm Technologies lancia la piattaforma mobile Snapdragon 855

Qualcomm Technologies lancia la piattaforma mobile Snapdragon 855

-

Tempo di lettura: 2 minuti

Qualcomm Technologies ha annunciato, in occasione dell’annuale Snapdragon Technology Summit attualmente in corso alle Hawaii, alcune importanti novità relative alla sua nuova piattaforma mobile flagship Snapdragon 855, la nuova generazione della sua piattaforma mobile della serie 8.

Si tratta della prima piattaforma mobile commerciale al mondo a supportare connettività 5G multi-gigabit, funzionalità di IA all’avanguardia ed eXtended reality (XR) immersiva, inaugurando un nuovo decennio di dispositivi mobili rivoluzionari.

Utilizzando le nuove architetture di chip basate sull’innovativa tecnologia di processo a 7nm, Snapdragon 855 offrirà agli utenti una durata della batteria prolungata ed esperienze superiori in aree quali imaging, audio, gaming e XR.

“Quando gli operatori lanceranno le reti 5G all’inizio del 2019, per la prima volta i consumatori potranno realmente beneficiare delle dirompenti esperienze 5G utilizzando dispositivi mobili supportati da Snapdragon 855”, ha affermato Alex Katouzian, senior vice president and general manager, mobile, Qualcomm Technologies, Inc. “Siamo orgogliosi di condividere le nostre innovazioni tecnologiche e di essere tra i primi a far nascere il 5G mobile.”

Qualcomm Technologies ha inoltre annunciato che China Mobile Communication Group Device Co. e i principali OEM cinesi – tra cui Xiaomi, OnePlus, OPPO, Vivo e ZTE – stanno realizzando dispositivi 5G mobili supportati dalla piattaforma mobile Qualcomm Snapdragon 855 utilizzando la famiglia di modem 5G NR Snapdragon X50.

In occasione della China Mobile Global Conference di Guangzhou, Qualcomm Technologies e gli OEM cinesi presenteranno congiuntamente dispositivi mobili 5G demo, inclusi smartphone e un Customer Premises Equipment, compiendo un passo significativo verso l’accelerazione della commercializzazione del 5G.

“Qualcomm Technologies sta lavorando a stretto contatto con l’ecosistema cinese per permettere all’utente di vivere appieno l’esperienza 5G utilizzando le nostre soluzioni” ha dichiarato Cristiano Amon, president, Qualcomm Incorporated. “All’inizio di quest’anno abbiamo annunciato l’iniziativa “5G Pioneer” insieme ai principali produttori cinesi e il completamento delle connessioni 5G – attraverso dispositivi OEM supportati dalla piattaforma mobile Snapdragon 855 – rappresenta un risultato importante in questa direzione. Continueremo a permettere agli utenti in Cina e in tutto il mondo di aiutare l’industria degli smartphone cinese a cogliere le opportunità globali che il 5G porterà con il 2019.”

Redazione BitMAThttps://www.bitmat.it/
BitMAT Edizioni è una casa editrice che ha sede a Milano con una copertura a 360° per quanto riguarda la comunicazione rivolta agli specialisti dell'lnformation & Communication Technology.
  • Newsletter

    Iscriviti alla Newsletter per ricevere gli aggiornamenti dai portali di BitMAT Edizioni.

  • I più letti

    Fintech digital-first: il futuro del settore finanziario

    Fintech digital-first: il futuro del settore finanziario

    In questo periodo di emergenza il settore si è dimostrato all’altezza, rivoluzionando collaborazione tra dipendenti e modalità di lavoro
    Smart Agriculture: nasce Agritech Innovation Hub

    Smart Agriculture: nasce Agritech Innovation Hub

    Protocollo d'intesa tra TIM e Confagricoltura per l’implementazione di tecnologie innovative al mondo agricolo
    Lenildo Morais

    L’ambiente di Lavoro del Futuro, digitale e iperpersonalizzato

    Ecco come sarà l'ambiente di lavoro del futuro secondo il professor Lenildo Morais
    Pandemia e consumo: come cambiano le abitudini di spesa?

    Pandemia e consumo: come cambiano le abitudini di spesa?

    Il 64% degli italiani si concentra su articoli essenziali come alimenti e dispositivi di protezione
    Italia in vetta alle classifiche mondiali per malware e ransomware

    Italia in vetta alle classifiche mondiali per attacchi malware e ransomware

    Il nostro Paese è l’ottavo al mondo più colpito dai malware e l’undicesimo per attacchi ransomware