Trainata dall’Europa del nord con quella meridionale ancora in ritardo, vede la Gran Bretagna al primo posto della classifica

Cresce l'ecosistema delle scaleup tecnologiche in Europa

Nel 2017, Scaleup Europe ha vissuto un anno di crescita che si può definire sostenibile: oltre 1.200 scaleup sono nate in Europa (+22% del totale, +28% di crescita annua dal 2016) raggiungendo un totale di 5.596, che hanno complessivamente raccolto 83,2 miliardi di dollari (+36 di crescita dei capitali raccolti). Ma il divario con gli altri ecosistemi rimane enorme È quanto emerge dall’ultimo SEP Monitor Tech Scaleup Europe 2018 presentato a Londra in occasione del secondo SEP Scaleup Summit organizzato da Mind the Bridge e ospitato dalla Borsa di Londra.

“Vorrei condividere alcune buone notizie: Scaleup Europe è in crescita, finalmente – ha commentato Alberto Onetti, Presidente di Mind the Bridge e Coordinatore SEP, aprendo l’evento – Abbiamo misurato buoni progressi, ma c’è ancora molto lavoro da fare. Sappiamo che l’innovazione non è una pianta che ti dà il raccolto in fretta, devi continuamente seminare e lavorare per ottenere dei frutti. E stiamo assistendo alle prime coltivazioni europee.”

La ricerca ha evidenziato che le economie più forti continuano a produrre la maggior parte delle scaleup: Regno Unito, Francia, Germania e Svezia sono al primo posto dell’Indice nazionale Scaleup Europe, contribuendo a quasi il 70% della crescita in termini assoluti. Il Regno Unito continua ad essere in testa con un tasso di crescita del 28%, con 368 nuove scaleup per un totale di 1.668 alla fine del 2017 (30% del totale europeo): chiaramente i colloqui Brexit non rappresentano, per ora, un ostacolo. Seguono Francia e Germania, con un tasso di crescita del 32% ciascuna: La Francia ha aggiunto 165 scaleup per un nuovo totale di 681 (12% del totale) e la Germania 129 per un totale di 530 (10% del totale). La Svezia si colloca al quarto posto nell’Indice Scaleup Europe Country con un tasso di crescita del 35%, aggiungendo nell’ultimo anno 126 scaleup per un nuovo totale di 489.

Le medie regionali mostrano una situazione analoga: l’Europa settentrionale (24%) è la più forte, mentre l’Europa meridionale è ancora una volta in ritardo nell’ondata di innovazione, con un tasso di crescita inferiore, pari solo al 16%.

“Il 2017 è stato un anno straordinario per le start-up in fase di crescita. Il bicchiere è mezzo pieno. Gli ecosistemi delle start-up in Europa stanno iniziando ad essere collegati tra loro – ha aggiunto Isidro Laso Ballesteros, Responsabile Startup e Scaleup della Commissione Europea – Questo alto livello di connettività contribuisce in modo significativo ad aiutare le start-up nella loro fase di crescita. Dobbiamo fare ancora di più. Al di là degli Stati Uniti, l’Asia sta crescendo ad alto ritmo. Gli ecosistemi dei paesi asiatici presentano caratteristiche uniche che contribuiscono agli elevati tassi di crescita. Il nostro vantaggio competitivo è quello di essere uniti nella diversità. Un vantaggio che può essere realizzato solo lavorando a livello di ecosistemi per essere una Startup Europe: un continente in fase di avvio.”

In media, l’Europa registra oggi circa 1 scaleup ogni 100.000 abitanti, in leggero aumento rispetto allo 0,9 dell’anno precedente. I paesi nordici superano le altre aree producendo in media più di 3,7 scaleup ogni 100 mila abitanti. In particolare, la Svezia (4,9 scaleup per 100 mila abitanti) e la Finlandia sono decisamente all’avanguardia in termini di densità. Tra i paesi più grandi, il Regno Unito è al primo posto con un rapporto di densità di 2,5.

Londra si è confermata di gran lunga il più grande “hub” in Europa, con oltre 1.100 scaleup basate lì. Seguono Parigi (453), Berlino e Stoccolma con poco meno di 300. Altri hub tecnologici emergenti di rilievo (oltre 100 scaleup ciascuno) sono Dublino, Helsinki, Amsterdam, Barcellona, Copenaghen e Madrid.

“Al di là di questi hub principali, c’è un’altra Europa composta da città e comuni “di secondo livello” il cui ruolo non può essere trascurato – ha dichiarato Alberto Onetti. Dopo l’estate pubblicheremo uno studio dedicato a questi hub minori che sono fondamentali per l’Europa.”

Capitale raccolto

Come accennato, nel 2017 sono stati investiti in Europa 22 miliardi di dollari di nuovo capitale (crescita media +36%) per un totale di 83,2 miliardi.

In termini di crescita, i grandi paesi rimangono vicini alla media europea: Il Regno Unito ha sovraperformato con un solido +40%, la Germania ha registrato una crescita media del +36% e la Francia del +30%. I paesi del nord stanno procedendo più rapidamente, mentre il Belgio e i Paesi Bassi registrano tassi di crescita rispettivamente del +44% e del +38%. Nel Sud Europa, l’Italia è di 2 punti sotto la media (+34%), mentre la Spagna sta rallentando (la metà rispetto alla media europea, +17%).

In termini assoluti, il Regno Unito domina ancora con 27,5 miliardi di dollari (33% del capitale totale raccolto) e la Germania (14,6 miliardi di dollari, 18%) precede la Francia (8,9 miliardi di dollari, 11%). Quest’ultimo cambiamento è il più evidente dallo scorso anno: in termini relativi, la Germania ospita “solo” il 10% delle scaleup, ma queste hanno assorbito il 18% del finanziamento totale in Europa. La Francia, per confronto, rappresenta il 12% della popolazione e l’11% dei finanziamenti. Di seguito, l’Indice Scaleup Europe Country rileva la Svezia con 7,3 miliardi di dollari (9%), la Svizzera con 3,6 miliardi di dollari (4%) e la Spagna con 3,3 miliardi di dollari (4%).

Europa vs Silicon Valley/Israele

Nonostante la crescita, il divario con gli altri ecosistemi rimane enorme. In termini di numero di scaleup, la Silicon Valley vale, da sola, poco più dell’intero continente europeo, mentre in termini di capitale raccolto rappresenta quasi il triplo dell’intero importo raccolto da tutte le scaleup europee. Considerando tutti gli Stati Uniti nel loro complesso, le scaleup hanno raccolto in totale 657,5 miliardi di dollari, 8 volte in più rispetto agli 83,2 miliardi raccolti dalle controparti europee. Israele ha ottenuto risultati migliori di tutti gli ecosistemi europei – ad eccezione del Regno Unito – per numero di scaleup, ed è secondo solo alla Germania e al Regno Unito per capitale raccolto.

Accesso al capitale: non c’è (ancora) un solo modo

Non esiste (ancora) un unico modo europeo di fare scaleup per le imprese tecnologiche: mentre alcune stanno seguendo il percorso dei finanziamenti in venture capital, altre stanno facendo leva su investitori privati e family office. Un grande gruppo, recentemente emerso, sta esplorando il crowdfunding e la raccolta di fondi attraverso le criptovalute (ICO).

  • Venture Capital: i dati mostrano che 70,7 miliardi di dollari di capitale versati nelle scaleup europee provengono da venture capital e investitori privati, la grande maggioranza (85%) del capitale totale. Le scaleup europee dipendono ancora in gran parte dal capitale di rischio.
  • IPO (Initial Public Offering): rappresentano solo il 12% del capitale raccolto dalle scaleup (9,7 miliardi di dollari, perdendo 3 punti rispetto allo scorso anno quando era del 15%). Solo l’1% delle scaleup tecnologiche europee è stato reso pubblico. E non tutto il denaro della quotazione in borsa proviene dall’Europa: il 25% del capitale è stato raccolto sui mercati azionari statunitensi. In media, le scaleup europee raccolgono circa 120 milioni di dollari in nuovi finanziamenti quando iniziano a operare sui mercati azionari. Tuttavia, ci vuole tempo per pianificare e realizzare grandi IPO: in media, le scaleup europee diventano pubbliche 8,7 anni dopo l’inizio.
  • ICO: il principale punto di discontinuità rispetto al passato recente è che 2,8 miliardi di dollari sono stati raccolti attraverso ICO (Initial Coin Offerings), dove l’Europa sembra avere un vantaggio competitivo sugli Stati Uniti. Si tratta di circa il 3% del totale dei capitali raccolti.

Il 3% delle scaleup europee ha completato una ICO. Gli Stati centrali (guidati dalla Svizzera invece che da Germania e Francia) giocano un ruolo dominante (1,3 miliardi di dollari raccolti, il 50% del totale), seguiti dall’Europa orientale e dai paesi baltici (che hanno raccolto complessivamente oltre 0,5 miliardi di dollari, il 19% del totale). Meno del 15% (395 milioni di dollari) del capitale totale è stato raccolto nelle isole britanniche.

Un esempio interessante è il cantone svizzero di Zugo, sempre più conosciuto come la Crypto valle europea. 27 scaleup che hanno fatto un ICO – raccogliento 1 miliardo di dollari – hanno sede lì.

Le ICO si sono dimostrate un sostituto molto interessante per il primo ciclo di finanziamento di scaleup tecnologiche. In media, il canale ICO fornisce un capitale 4 volte superiore (una media di 17,6 milioni di dollari) rispetto alla generica serie A raccolta con VC tradizionale (4,5 milioni di dollari in media). Un altro vantaggio di cui stanno beneficiando le scaleup grazie alle ICO è quello della velocità, che è importante quanto la disponibilità di fondi. Le scaleup europee richiedono in media 3,3 anni per completare il finanziamento di serie A. Il percorso ICO è molto più veloce.

“Per quanto riguarda le origini degli investimenti, nel 2017 in media il 43% del capitale investito in scaleup proviene da investitori nazionali, più un altro 11% da investitori di altri paesi europei, e circa il 40% da investitori extraeuropei – ha aggiunto Alberto Onetti. Gli investitori statunitensi giocano un ruolo di primo piano in questo caso con il 26% degli investimenti complessivi, seguiti da Cina (4%), Singapore (1%) e Israele (1%). Un ciclo su dieci è guidato da investitori statunitensi, ma rappresenta circa un quarto dei capitali raccolti dalle economie di scala europee.”