Home Vertical FinanceTech L’Open Banking trasforma i servizi finanziari

L’Open Banking trasforma i servizi finanziari

-

Tempo di lettura: 3 minuti

Lo studio “The API Economy and Digital Transformation in Financial Services: The case of Open Banking” condotto da Markos Zachariadis e Pinar Ozcan della Warwick Business School, University of Warwick e pubblicato dallo SWIFT Institute, ha come obiettivo quello di offrire uno strumento incisivo per le istituzioni finanziarie, per le startup fintech, le aziende tech e le autorità di vigilanza. L’utilizzo di Open API dovrebbe apportare benefici in termini di efficienza e di miglioramenti per i clienti finali, utilizzando al massimo la capacità e l’inventiva che terze parti esterne possono apportare al settore dei servizi finanziari.

Secondo lo studio, la direttiva europea PSD2 (Payment Services Directive) dovrebbe aprire ulteriormente il mercato europeo dei pagamenti entro la fine del 2017 e incentivare la competizione, soprattutto nell’area pagamenti. Allo stesso modo, il Governo britannico, nell’ottica di avviare iniziative di data sharing e open data in ambito bancario, ha richiesto la nascita di un Open Banking Working Group (OBWG) nel 2015. L’obiettivo del gruppo di lavoro – che riunisce professionisti del settore bancario, Fintech e open data – è quello di sviluppare uno standard per l’adozione di API pubblici (Open API) per l’intero settore bancario e di comprendere gli impatti di questo su consumatori, autorità di vigilanza e sull’intero settore.

L’obiettivo di questo studio dello SWIFT Institute è quindi quello di contribuire a sviluppare il dibattito su alcune delle principali sfide e opportunità relative all’utilizzo delle API pubbliche (Open API).

La ricerca analizza inizialmente le teorie più rilevanti alla base della nascita di nuove strutture organizzative e modelli di business nell’era digitale, in modo da contribuire ad anticipare l’impatto dell’adozione di API pubbliche (Open API). Lo studio passa poi ai risultati delle principali sfide e opportunità che gli API presentano al settore bancario nel Regno Unito e in Europa, seguiti da un’introduzione al quadro regolatorio di OBWG e PSD2.

Peter Ware, Director dello SWIFT Institute ha dichiarato: “Le API pubbliche (Open API) sono un ottimo esempio di come le banche siano oggi attivamente coinvolte nel processo di innovazione ed evoluzione dei servizi finanziari. L’implementazione delle API pubbliche comporterà un cambiamento nell’organizzazione e nella struttura del modello di servizi finanziari come finora conosciuti. Dallo studio emerge infatti come le grandi istituzioni non affrontino solamente le sfide che inevitabilmente vengono loro proposte, ma come queste svolgano anche un ruolo attivo nella riduzione delle incertezze, diventando primi utilizzatori e avvantaggiandosene.”

Il progetto di ricerca è stato originariamente suggerito dal NatWest al SWIFT Institute. Marion King, Director of Payments at NatWest ha commentato, “L’Open Banking e lo sviluppo di ecosistemi API sono iniziative interessanti che consentiranno ai consumatori di trarre vantaggio da nuovi prodotti e servizi che andranno a migliorare la gestione delle loro finanze. I nostri clienti hanno infatti bisogno di servizi semplici, sicuri e applicabili. Solo con l’utilizzo dell’open banking e delle API, combinate con le strategie esplorate in questo documento di ricerca, ifornitori saranno in grado di offrire i prodotti innovativi e i servizi che i clienti si aspettano”.

Markos Zachariadis commenta, “Lo SWIFT Institute, con questo studio, ci ha dato l’opportunità di svolgere un primo approfondimento e avere un panorama sulla trasformazione digitale nei settori bancari europei e britannici in relazione alle recenti riforme normative.” Pinar Ozcan aggiunge, “Siamo entusiasti di aver lanciato un progetto di ricerca presso la Warwick Business School e non vediamo l’ora di approfondire gli insight sulle ricerche, mentre continuiamo a studiare i cambiamenti del settore e a collaborare con il settore bancario e lavoriamo in collaborazione con l’industria bancaria e con i decisori politici”.

Redazione BitMAThttps://www.bitmat.it/
BitMAT Edizioni è una casa editrice che ha sede a Milano con una copertura a 360° per quanto riguarda la comunicazione rivolta agli specialisti dell'lnformation & Communication Technology.
  • Newsletter

    Iscriviti alla Newsletter per ricevere gli aggiornamenti dai portali di BitMAT Edizioni.

  • I più letti

    Rilasciato gratuitamente il codice sorgente del malware Cerberus

    Rilasciato gratuitamente il codice sorgente del malware Cerberus

    Potenziate le funzionalità che comprendono il furto del sistema 2FA e le funzionalità RAT
    Customer experience e piattaforme di acquisto digitale

    Customer experience e piattaforme di acquisto digitale

    L’82% dei manager di grandi aziende dichiara un legame diretto tra la Customer Experience e le performance di business
    Human augmentation: gli italiani i più entusiasti

    Human augmentation: gli italiani i più entusiasti

    Molti credono che sia riservata ai ricchi e temono che il corpo possa diventare bersaglio dei criminali informatici
    siportal_logo_-_payoff-01_37836

    Nasce la rete in fibra ottica di Siportal

    Il progetto, che si avvale delle partnership strategiche di Huawei e del Gruppo Retelit, punta a supportare la trasformazione digitale delle aziende in Sicilia e Sardegna.
    Arriva il 23 settembre l'hackathon BTicino per la smart home

    Arriva il 23 settembre l’hackathon BTicino per la smart home

    L'evento mette in palio 1.000 euro in buoni Amazon ed è rivolto a studenti e giovani talenti informatici