Le soluzioni Kona Site Defender e Fast DNS proteggono il sito di acquisti online da diverse minacce, riuscendo a garantire allo stesso tempo pieno funzionamento e continuità del servizio

security concept
Tempo di lettura: 3 minuti

Subito, azienda italiana per comprare e vendere online, ha scelto le soluzioni di Akamai Technologies Kona Site Defender e Fast DNS per garantire protezione costante dalle intrusioni esterne e continuità del servizio senza incidere sulla qualità, anche durante gli attacchi.

Lanciata in Italia nel 2007, Subito è tra i primi 10 brand online in Italia più visitati ed è la prima piattaforma di annunci su web con oltre 8 milioni di utenti unici mensili. Per gli utenti della piattaforma, un sito veloce e affidabile è fondamentale al business. Come sito tra i più visitati in Italia, Subito è sempre stato oggetto di attacchi informatici di tipo DDoS e a livello applicativo.

Per garantire la protezione della propria piattaforma da un’ampia gamma di minacce online, Subito ha deciso di affidarsi alla soluzione Kona Site Defender di Akamai, che unisce la mitigazione degli attacchi DDoS a un WAF estremamente scalabile, tutto senza compromettere la web experience degli utenti. Dall’implementazione, la soluzione per la sicurezza di Akamai rileva e mitiga ogni settimana oltre 5 milioni di richieste sospette dirette verso il sito www.subito.it, con una conseguente riduzione del rischio di disservizi, di possibili attacchi informatici e furti di dati. Contestualmente, Subito ha inoltre adottato la soluzione Fast DNS di Akamai, progettata per la protezione dell’infrastruttura DNS dagli attacchi DDoS, oltre che per garantire alte prestazioni. Grazie alla soluzione Akamai, il sito di Subito registra oggi una disponibilità a “five nines”.

Commentando la decisione di implementare le soluzioni di Akamai, Marco Cupidi, Chief Technology Officer di Subito, afferma: “Per un sito internet popolare, essere bersaglio di attacchi informatici fa parte della normalità. La nostra piattaforma ne subisce diverse decine ogni anno, soprattutto di tipo volumetrico, e quello più importante ha superato i 15GbpsGrazie alle soluzioni per la sicurezza di Akamai, possiamo focalizzarci su nuovi servizi e funzionalità invece che passare il tempo a difenderci dagli attacchi per mantenere l’infrastruttura funzionante”.   

Subito voleva anche essere in grado di sfruttare tecniche utili per la realizzazione di applicazioni e aggiornamenti senza causare interruzioni di servizio per i suoi utenti. Tra i vantaggi offerti dalla piattaforma Akamai, la possibilità per Subito di sfruttare utili tecniche di rilascio dirottando il traffico tra diversi stack infrastrutturali (Blue&Green Deployment) e instradandolo in modo progressivo tra diverse versioni di istanze applicative (Canary Releasement) andando ad azzerare il downtime del servizio e abbattendo significativamente il rischio di malfunzionamenti.

Alessandro Livrea, Regional Manager di Akamai Italia, ha commentato: “Gli attacchi informatici di tipo DDoS (Distributed Denial of Service) continuano ad aumentare e rappresentano oggi una delle principali minacce per qualsiasi azienda con una presenza online. Per questo la protezione DDoS deve essere al centro di una strategia di sicurezza di successo. Gli attacchi di tipo DDoS vanno poi di pari passo con quelli più insidiosi e silenziosi quali quelli contro le applicazioni. Grazie alle nostre soluzioni, Subito gode di protezione da diverse minacce, riuscendo allo stesso tempo a garantire il pieno funzionamento della propria piattaforma”.

Una collaborazione di lunga data quella con Akamai che, nel corso degli anni, è diventato per Subito un partner d’eccellenza. Nel 2011 l’azienda ha infatti scelto le soluzioni per la Web Performance di Akamai che hanno permesso di migliorare le performance della piattaforma con conseguente aumento dell’engagement dei visitatori. Insieme al miglioramento delle performance, Subito registra un offload di circa il 90% delle richieste al sito, che vengono ora gestite direttamente da Akamai, senza dover implementare infrastrutture aggiuntive.