Home Tecnologie Cloud Adozione del cloud e formazione: 5 passi per costruire le competenze

Adozione del cloud e formazione: 5 passi per costruire le competenze

-

Tempo di lettura: 6 minuti

Il cloud offre un enorme potenziale per generare risultati di business innovativi e di successo rispetto ai tradizionali modelli di infrastruttura IT legacy. Con il cloud le organizzazioni sfruttano i vantaggi di un insieme di risorse IT agile, flessibile e facilmente scalabile per soddisfare esigenze in continua evoluzione. Non c’è dubbio che le organizzazioni siano desiderose di realizzare questi vantaggi. Tuttavia, il 90% dei responsabili delle decisioni IT afferma che le proprie aziende non dispongono di competenze adeguate in materia di cloud, una situazione che può sconvolgere qualsiasi piano di crescita e innovazione.

Una soluzione che si è dimostrata efficace è l’inclusione di un programma di formazione completo nell’iniziativa di trasformazione del cloud di un’organizzazione. Le organizzazioni che investono in una formazione completa all’inizio del loro percorso di adozione del cloud sono l’80% più veloci nel processo. Inoltre, queste realtà hanno l’81% di probabilità in più di progredire verso la prossima pietra miliare del loro percorso di adozione del cloud entro 24 mesi.

Dalla costruzione delle competenze dei team all’incoraggiamento di una mentalità basata sul cloud, un approccio di formazione completo aiuta a creare pool di talenti del cloud, fondamentali per aiutare a raggiungere gli obiettivi di adozione del cloud.

Cos’è la formazione completa sul cloud?

Le iniziative in ambito cloud devono essere affrontate come processi a livello aziendale che coinvolgono tutti i reparti. Considerarle semplicemente come progetti IT sottovaluta il loro potenziale impatto sull’intera organizzazione. Infatti, le organizzazioni che ricevono una formazione completa hanno quasi tre volte più probabilità di rendersi conto che il cloud può aiutare a far ripartire l’innovazione in diversi ambiti e quasi cinque volte più probabilità di superare le preoccupazioni operative e di performance.

Per formazione completa si fa riferimento a una formazione tecnica approfondita per i team IT e in un’ampia formazione sui fondamenti del cloud per gli stakeholder generali, come il personale di vendita o di marketing.

Più i dipendenti comprendono il cloud, più velocemente un’organizzazione può trasformarsi in una realtà cloud-first. Il fatto di essere in prima linea nel cloud rimodella il modo in cui un’organizzazione pensa alla tecnologia e coinvolge tutto il personale, portando alla collaborazione tra i team e a una maggiore fluidità.

Diffondere la fluidità del cloud attraverso la formazione sulle competenze in tutta l’organizzazione produce diversi vantaggi:

  • fornisce ai dipendenti la conoscenza e la fiducia necessarie per innovare più velocemente e sperimentare in modo più ampio.
  • le barriere tra il personale aziendale e quello tecnico si dissipano, con l’utilizzo di una terminologia comune per comunicare più fluentemente con il linguaggio del cloud.
  • i team possono collaborare in modo più efficiente, traducendo rapidamente le esigenze dei clienti in soluzioni tecniche.

Di seguito sono riportati cinque passi per avviare un programma di formazione completo sul cloud e promuovere la fluidità del cloud in tutta l’organizzazione.

1. Costruite comunità di sostenitori del cloud

La formazione completa sul cloud inizia con l’abilitazione di un gruppo di dipendenti esperti che ne comprendono il potenziale e l’applicazione pratica. Abbracciare il cloud come “motore di abilitazione” comporta un cambiamento tecnologico a quasi tutti i livelli delle operazioni aziendali.

Questo gruppo è il vostro Cloud Enablement Engine (CEE) ed è composto da esperti del cloud, provenienti da diversi ruoli all’interno dell’organizzazione, come ad esempio sviluppatori, ingegneri di rete, amministratori di database, o esperti di sicurezza o di finanza. Essi evangelizzano e istituzionalizzano le best practice e i framework, gestiscono il salto dell’organizzazione verso il cloud e catalizzano il vostro programma di formazione. Nel fare ciò, agiscono come influencer e mentori interni, favorendo il cambiamento dall’interno. Le vostre CEE contribuiscono a fornire un apprendimento peer-to-peer, a riconoscere i risultati aziendali raggiunti grazie al cloud e a evidenziare gli approcci innovativi.

2. Valutare il gap di competenze nel cloud e dare priorità agli obiettivi

Successivamente, è utile utilizzare uno strumento di analisi dei bisogni di apprendimento per valutare gli attuali livelli di competenze dell’organizzazione e identificare le lacune di competenze quantificabili – e le aree di business specifiche – nell’organizzazione che vedrà il maggiore impatto dalla formazione. L’analisi viene utilizzata per creare un piano completo di formazione e certificazione di settore per l’organizzazione e risponde alle esigenze dei dipendenti. Spesso, un programma di formazione completo affronta prima di tutto le lacune più pressanti.

3. Creare percorsi formativi personalizzati

Il passo numero tre prevede la creazione di programmi personalizzati che supportino obiettivi specifici ed esigenze tecniche da una varietà di modalità di apprendimento esperte, rivolte a tutti i livelli di competenza dell’organizzazione.

Un programma di formazione completa offre una scelta di metodi di apprendimento, tra privato in loco e virtuale, formazione digitale, corsi in aula, eventi e programmi con indicatori di obiettivi e percorsi di curriculum. Questi corsi di formazione possono anche promuovere opportunità per progetti pratici e reali e impegni gamificati che creano entusiasmo intorno al processo di diventare “cloud fluent”.

4. Promuovere lo sviluppo continuo delle competenze attraverso la certificazione del settore

Nel corso del tempo, emergerà una classe di dipendenti in grado di gestire il cloud-fluent. Questi pionieri contribuiranno a ispirare l’organizzazione, mostrando quanto l’apprendimento possa essere efficace – ad esempio, cercando certificazioni di settore che convalidino le loro abilità e competenze attraverso un esame rigoroso.

Le certificazioni del settore non sono solo per il personale IT ma vanno dai fondamenti del cloud ai livelli professionali e di specializzazione. Una certificazione rafforza la fiducia e rende i dipendenti più efficienti. Secondo il Global Knowledge 2019 IT Skills and Salary Report, il 43 per cento di professionisti IT riferiscono che una certificazione li aiuta ad eseguire i loro lavori più velocemente.

Inoltre, più del 90% dei responsabili delle decisioni concorda sul fatto che i dipendenti certificati cloud forniscono un valore aggiunto che va ben oltre il costo della formazione.

5. Sostenere l’apprendimento continuo in grado di favorire l’innovazione

Quando un’organizzazione investe in programmi di formazione completi di cloud training, ci si può aspettare che queste iniziative portino a risultati di business positivi, ma ciò che non ci si aspetta è l’effetto duraturo di una cultura aziendale orientata all’apprendimento.

Tenendo presente questo, i programmi dovrebbero supportare modelli di apprendimento continuo per soddisfare le richieste e i desideri degli “studenti”: oggi potrebbe essere il cloud, ma domani potrebbe essere il machine learning. Gli eventi di apprendimento sponsorizzati dall’azienda, gli hackathon o le iniziative di gamification possono suscitare un interesse continuo nell’apprendimento, incoraggiare la partecipazione e costruire una comunità.

Mentre si pensa all’apprendimento continuo e alle future lacune di competenze, iniziative di formazione una tantum possono essere applicabili per soddisfare le esigenze di team o progetti specifici, mentre una strategia di apprendimento a lungo termine più inclusiva per ogni membro del team può portare a un’innovazione più ampia in tutta l’azienda che mantiene tutti i dipendenti al passo con il settore.

Stabilire il vostro modello di formazione per il successo futuro

Le tecnologie cloud, combinate con iniziative di formazione complete, hanno il potenziale per trasformare sia l’infrastruttura IT di un’organizzazione che un business nel suo complesso. Dotare i dipendenti di una mentalità da cloud e delle competenze necessarie per aiutare un’organizzazione a sfruttare appieno le sue risorse inizia con la comprensione del loro attuale gap di conoscenza. Investire nell’apprendimento olistico del cloud consente all’organizzazione di trasformarsi in modo profondo, generando una crescita sostenuta, uno sviluppo e una costruzione di competenze a lungo termine.

A cura di Carlo Giorgi, Country Manager – AWS Italia

Redazione BitMAThttps://www.bitmat.it/
BitMAT Edizioni è una casa editrice che ha sede a Milano con una copertura a 360° per quanto riguarda la comunicazione rivolta agli specialisti dell'lnformation & Communication Technology.
  • Newsletter

    Iscriviti alla Newsletter per ricevere gli aggiornamenti dai portali di BitMAT Edizioni.

  • I più letti

    Scuola e distanziamento sociale: l'AI al servizio della sicurezza

    Scuola e distanziamento sociale: l’AI al servizio della sicurezza

    I sistemi di rilevamento termico e controllo dei flussi di Dahua Technology impiegati in due Istituti dell’hinterland milanese
    Surface Pro X

    Surface Pro X: nuove versioni disponibili

    Sarà invece necessario aspettare il 12 novembre per il nuovo Surface Laptop Go,
    qboxmail_zoom

    Qboxmail si integra con Zoom

    Pianificare un video meeting, anche con persone esterne all’azienda, è semplice e immediato grazie all’integrazione di Zoom all’interno della Webmail di Qboxmail
    Credential stuffing: colpiti i programmi fedeltà

    Credential stuffing: colpiti i programmi fedeltà

    Tra luglio 2018 e giugno 2020, colpiti i settori retail, travel e hospitality con attacchi di vario tipo e dimensione

    Intelligenza Artificiale sfide, opportunità ed insidie

    Come ogni nuova sfida, anche l’Intelligenza Artificiale (AI) comporterà rischi ed insidie che, se non adeguatamente gestite, potrebbero compromettere i traguardi e gli equilibri finora raggiunti