Home News OpenShift: uno sguardo ai costi delle applicazioni native del cloud

OpenShift: uno sguardo ai costi delle applicazioni native del cloud

-

Tempo di lettura: 2 minuti

Da una domanda di telelavoro notevolmente aumentata a un’impennata nell’utilizzo dei servizi online, i team IT si trovano ad affrontare una nuova serie di sfide nella gestione degli ambienti cloud ibridi. Per i decisori, si tratta ben più del semplice mantenimento di un’infrastruttura funzionante ed efficiente; è una questione di budget., che i team IT potrebbero semplicemente non avere. Diventa quindi fondamentale riuscire a vedere in modo più rapido e facile la totalità dei costi IT legati al cloud ibrido.
A tal fine, oggi presentiamo la nuova offerta software-as-a-service (SaaS) volta a meglio comprendere i costi degli ambienti OpenShift: OpenShift cost management. Disponibile gratuitamente con la sottoscrizione Red Hat OpenShift Container Platform, OpenShift cost management fornisce una visione semplificata e più intuitiva dei costi, dal macro al granulare, di un’implementazione OpenShift.

Scaricabile da cloud.redhat.com, OpenShift cost management va oltre gli strumenti che misurano e monitorano l’utilizzo di Kubernetes nel cloud pubblico – è realmente un servizio di gestione dei costi del cloud ibrido che aggrega e mostri i costi di implementazioni su server bare-metal, macchine virtuali, cloud privati e infrastrutture cloud pubbliche, incluse AWS e Microsoft Azure.

Oltre a fornire una visione unificata del panorama dei costi di un’implementazione, OpenShift cost management offre:
-Modelli di costo per l’applicazione di tassi di markup sull’infrastruttura monitorata, riportando i costi reali di un ambiente di produzione.
-Tagging per mappare gli addebiti a carico di progetti e organizzazioni interne, utilizzando la tassonomia esistente di un’organizzazione.

Crediamo che questo servizio sia fondamentale per i nostri clienti di fronte a sfide globali dinamiche e in evoluzione. Essere in grado di comprendere meglio i vincoli di bilancio di un’implementazione cloud ibrida basata su Red Hat OpenShift, dal cloud pubblico ai server bare-metal, rappresenta un elemento critico del mix IT aziendale per operare senza intoppi, pur mantenendo l’impegno per l’innovazione.

A cura di Keri Sprinkle, product marketing manager, Business Unit Management, Red Hat

Redazione BitMAThttps://www.bitmat.it/
BitMAT Edizioni è una casa editrice che ha sede a Milano con una copertura a 360° per quanto riguarda la comunicazione rivolta agli specialisti dell'lnformation & Communication Technology.
  • Newsletter

    Iscriviti alla Newsletter per ricevere gli aggiornamenti dai portali di BitMAT Edizioni.

  • I più letti

    Guerra informatica: per 7 CISO su 10 è una minaccia imminente

    Guerra informatica: per 7 CISO su 10 è una minaccia imminente

    Secondo gli esperti del settore nei prossimi mesi e anni occorreranno interventi concreti per debellare la criminalità informatica
    Codici QR sempre più popolari: imprese e utenti finali a rischio

    Codici QR sempre più popolari: imprese e utenti finali a rischio

    La maggioranza degli intervistati non possiede device protetti dalle minacce e non possiede un software di sicurezza
    Arianna Arcaro è stata nominata come nuova sales manager Area Nord/Est di Personal Data

    Personal Data cresce e apre una sede commerciale a Vicenza

    Arianna Arcaro è stata nominata come nuova sales manager Area Nord/Est di Personal Data
    Pensiero sistemico: dati real time per un approccio olistico alla gestione

    Pensiero sistemico: dati real time per un approccio olistico alla gestione

    Ogni parte di un’organizzazione, inclusi partner e clienti, deve utilizzare dati di alta qualità e affidabilità
    SEPA Instant: i bonifici istantanei gratuiti di Revolut

    SEPA Instant: i bonifici istantanei gratuiti di Revolut

    Il nuovo sistema sarà dedicato ai clienti Revolut italiani ed europei