Home News Sfruttare il marketing per superare la pandemia

Sfruttare il marketing per superare la pandemia

-

Tempo di lettura: 3 minuti

Secondo Gianluigi Ballarani, esperto e professore di marketing all’Università di Pavia, riorganizzare il lavoro, comunicare ai propri clienti ma, soprattutto, essere “mercato-centrici” – restando focalizzati sulle esigenze del mercato – sono le misure che le aziende dovrebbero adottare per affrontare al meglio e superare la crisi in atto. Misure necessarie perché durante una pandemia come questa i problemi si amplificano e per aziende con problemi di cassa pregressi la prima situazione straordinariapuò far precipitare le cose. Purtroppo il marketing è spesso visto come una competenza accessoria. Soprattutto in questi tempi di crisi, invece, è la fortezza che ci può far sopravvivere all’inverno”. Per questo motivo Ballarani illustra le strategie che le aziende dovrebbero seguire.

Essere mercato-centrici

“Durante una crisispiega Ballaranii problemi dei consumatori non spariscono ma semplicemente cambiano. Le persone hanno smesso di mangiare al ristorante ma non hanno smesso di comprare cibo già cucinato. I ristoranti che prima di tutti sono riusciti ad attrezzarsi per le consegne a domicilio hanno la possibilità di reggere meglio la situazione. Il discorso vale anche per gli acquisti in generale: le persone hanno smesso di comprare nei negozi fisici ma non hanno smesso di comprare online. Quindi se hai una piccola attività commerciale e hai dovuto chiudere il negozio, invece di tenere ferma la merce in magazzino, attrezzati per venderla, aprendo quello virtuale. Il settore e-commerce ha avuto un boom del +80%. Per chi si era già attrezzato con un canale di vendita online, oggi può concentrare i suoi sforzi su quel canale. Non si deve pensare al prodotto che si vende, ma si deve restare focalizzati sulle emergenti esigenze del mercato.”

Comunicare con i propri clienti

Importantissimo per l’esperto di marketing è comunicare con i propri clienti.

“Se si ha modo di comunicare con i propri clienti attraverso una lista e-mail o una pagina social è il momento di farlo. Cosa si deve comunicare? Se si ha individuato un modo per risolvere un problema nella nuova situazione in cui si trovano, si deve assolutamente comunicarlo. Molti imprenditori che avevano degli eventi dal vivo sono rimasti mercato-centrici (focus sulle nuove esigenze del mercato) e si sono attrezzati per realizzare l’evento in streaming. E l’hanno ovviamente comunicato. Da qui l’importanza di aver costruito nel tempo un modo per poter mantenere un contatto con i propri clienti. Se proprio non si ha modo di vendere nulla nella nuova situazione, si può continuare a fare pubblicità per quando la situazione sarà tornata alla normalità offrendo, ad esempio, pacchetti scontati per chi compra ora. Le persone non saranno, in questo caso, in giro per le strade ma non sono sparite: sono ancora di più sui canali social. Inoltre, non tutti sono in preda al panico: durante una crisi molte persone sono fiduciose che si possa tornare ad una situazione tranquilla e sono propense ad acquistare beni e servizi in sconto anche per il futuro. E se proprio non si può vendere nulla: si deve comunicare sui propri canali, si deve creare un format interessante, educare ed intrattenere in questo periodo in cui c’è tanto bisogno di sorridere e di passare il tempo. È comunque un investimento in marketing che tornerà utile per quando la situazione sarà tornata alla normalità ed, in ogni caso, farà del bene alla comunità”.

Riorganizzare il lavoro

Secondo Ballarani all’interno di questa strategia, inevitabilmente si deve pensare ad una riorganizzazione del lavoro.

<p<“In una crisi – spiega – si può avere un bel problema finanziario dovuto alla mancanza di clienti ma alla presenza costante delle scadenza di pagamento: affitto, dipendenti, etc. Se abbiamo dei dipendenti operativi, possiamo impiegarli in nuove mansioni funzionali a risolvere la nuova situazione di mercato. Se abbiamo dei dipendenti che devono lavorare da casa, dobbiamo essere noi imprenditori ad organizzare al meglio il loro lavoro: può essere il momento giusto per la formazione del personale, per analizzare bene i conti aziendali, per cambiare gestionale, per introdurre nuove procedure o correggere quelle vecchie, per anticiparci un lavoro che avremmo comunque dovuto fare, etc. In questo momento storico, con tutta l’Italia in quarantena, ‘non è la più forte delle specie che sopravvive, né la più intelligente, ma quella più reattiva ai cambiamenti.”

Redazione BitMAThttps://www.bitmat.it/
BitMAT Edizioni è una casa editrice che ha sede a Milano con una copertura a 360° per quanto riguarda la comunicazione rivolta agli specialisti dell'lnformation & Communication Technology.
  • Newsletter

    Iscriviti alla Newsletter per ricevere gli aggiornamenti dai portali di BitMAT Edizioni.

  • I più letti

    webinar webgate400 R.9

    Webgate400 R.9: webinar gratuito il 27 ottobre

    Applicazioni gestionali RPG per IBM i potenziate e accessibili da browser HTML5: come trasformarle con semplicità.
    startup business gestione personale

    Startup business: investi sulla gestione del capitale umano

    Factorial fornisce un software HR all-in-one, per una gestione a 360° del capitale umano.
    juhani-hintikka

    Juhani Hintikka: nuovo CEO da novembre di F-Secure

    Juhani Hintikka avrà il compito di raggiungere il livello successivo di crescita e portare valore a lungo termine per i nostri azionisti
    Nuova veste tutta digitale per Check Point

    Nuova veste tutta digitale per Check Point

    La conferenza annuale di Check Point Software Technologies si terrà online il prossimo 22 ottobre
    luca livraga

    Luca Livraga alla guida del team di supporto di Snom Technology

    A cinque anni dall’inizio della sua carriera in Snom Italia come Technical Support Engineer, Livraga assume ora il ruolo di Team Lead Technical Support EMEA. Tra le priorità del manager sia una stretta collaborazione con il product management a sostegno di un’innovazione ancora più vicina al mercato sia la garanzia di continuità in termini di eccellenza del servizio tecnico erogato.