Home News Olivetti inaugura il nuovo quartier generale nella Casa Blu

Olivetti inaugura il nuovo quartier generale nella Casa Blu

-

Tempo di lettura: 3 minuti

Lo scorso venerdì 15 novembre, Olivetti ha inaugurato il nuovo quartier generale ad Ivrea, nella storica Casa Blu, il Centro Studi di Strada Monte Navale 2C, appena ristrutturato.

Il taglio del nastro della Casa Blu Olivetti, che un tempo ha svolto un ruolo fondamentale nelle politiche industriali e sociali dell’azienda, è avvenuto nel corso di un evento che ha visto la partecipazione di Stefano Sertoli, Sindaco di Ivrea, Patrizia Paglia, Presidente Confindustria Canavese, Giovanni Ronca ed Ettore Spigno, rispettivamente Presidente e Amministratore Delegato di Olivetti, nel corso del quale sono stati illustrati gli importanti interventi di recupero e di valorizzazione dell’immobile.

“La decisione di Olivetti – ha sottolineato Stefano Sertoli, Sindaco di Ivrea – di intervenire su uno degli edifici che costituiscono il Patrimonio Mondiale UNESCO di Ivrea, città industriale del XX secolo per valorizzarlo attraverso un progetto di restauro e rifunzionalizzazione rispettoso dell’integrità e dell’autenticità del bene stesso e per riportarlo alla vita, è un importante segnale della volontà di fare sistema e collaborare alla rinascita economica di Ivrea e del suo territorio.”

“L’edificio che si inaugura oggi è, per noi – ha detto Patrizia Paglia, Presidente di Confindustria Canavese – un grande segnale di ritorno al territorio, di amore e di fiducia verso Ivrea e il Canavese. E’ l’esempio tangibile della volontà di ripercorrere, e non solo ricordare, la politica di rinnovamento e sperimentazione avviata da Olivetti sia in campo industriale che architettonico. La funzionalità, l’ergonomia dei prodotti trovano un corrispondente negli edifici, pensati sempre per essere oltre il semplice necessario: riscoprire questo modo di immaginare “fabbriche belle” è uno dei driver della nostra visione per le imprese del futuro.”

“Restituire una “casa” così prestigiosa ad Olivetti – ha commentato Giovanni Ronca, Presidente di Olivetti – è un segno tangibile di come TIM stia, di nuovo, guardando molto avanti, con l’obiettivo di portare alla luce il valore non solo storico ma soprattutto prospettico che questo grande gruppo ha nel suo DNA. La Casa Blu è icona della nostra Olivetti, un’impresa che vive radicata su un territorio vivo, entrambi consapevoli della responsabilità della loro grande storia di sviluppo e innovazione ed entrambi proiettati verso il futuro.”

Il Centro Studi Olivetti è un edificio storico di grande pregio per la città, realizzato da grandi architetti di fama internazionale che si sono susseguiti nel tempo, ed è stato inserito nel Sito UNESCO di Ivrea città industriale del XX secolo e iscritto di recente nella Lista del Patrimonio Mondiale.

All’inizio degli anni ’50 nacque l’idea di costruire una sede specifica per un centro studi ed esperienze, fisicamente separato dall’azienda. Il progetto architettonico fu di Eduardo Vittoria e quello strutturale di Pier Achille Caponago del Monte. L’edificio nel tempo divenne l’esempio tangibile della politica di rinnovamento e sperimentazione avviata in campo industriale da Olivetti.

Nell’anno 2001 l’edificio è stato ristrutturato dagli architetti Ettore Sottsass e Marco Zanini per ospitare la sede dell’Interaction Design Institute Ivrea. Il concetto alla base dell’intervento di Sottsass era il disegno di un luogo in cui la vita delle persone, insieme a tutto ciò che la caratterizza, potesse svolgersi in un ambiente quanto più possibile armonioso.

Il progetto di ristrutturazione appena completato da TIM si è posto come obbiettivo il restauro conservativo e la manutenzione straordinaria della palazzina, facendo particolare attenzione alla necessità di prevedere, quanto più possibile, il mantenimento e la ricomposizione dell’originario disegno. Si tratta di una tappa importante per Olivetti e per Ivrea, che ancora una volta mostrano la volontà di innovarsi mantenendo solida la tradizione.

Il Quartier Generale di Olivetti ospita circa 80 persone.

TIM ha inoltre recentemente attivato un impianto 5G nel comune di Ivrea. Si tratta della prima antenna per la telefonia mobile di quinta generazione nel territorio grazie alla quale la città diventerà tra le prime aree italiane coperte dalla nuova tecnologia. Nello specifico, è stato installato un apparato radio dotato di tecnologia Massive-MIMO, ovvero un’antenna capace di gestire contemporaneamente decine di segnali radio in entrata e in uscita, in grado di adattarsi dinamicamente alla posizione dei singoli utenti e alla domanda di traffico.

Redazione BitMAThttps://www.bitmat.it/
BitMAT Edizioni è una casa editrice che ha sede a Milano con una copertura a 360° per quanto riguarda la comunicazione rivolta agli specialisti dell'lnformation & Communication Technology.
  • Newsletter

    Iscriviti alla Newsletter per ricevere gli aggiornamenti dai portali di BitMAT Edizioni.

  • I più letti

    TCL amplia la gamma prodotti con i nuovi tablet Alcatel

    TCL amplia la gamma prodotti con i nuovi tablet Alcatel

    Dispositivi pensati per soddisfare le nuove esigenze didattiche e lavorative dei consumatori
    E-commerce: crescita esponenziale dello shopping online

    Lockdown e e-commerce: fenomeno passeggero o strutturale?

    In crescita costante da marzo ad oggi, le ricerche online hanno sperimentato un incremento medio del 36%
    Banca Popolare di Sondrio protegge le mailbox con Libraesva

    Banca Popolare di Sondrio protegge le mailbox con Libraesva

    I dati riservati dei clienti trasmessi via email sono protetti da una linea difensiva
    Commercio.network sceglie i nodi validatori di YubiHSM

    Commercio.network sceglie i nodi validatori di YubiHSM

    Identità, firma elettronica e consegna dei documenti conforme eIDAS, sono i tre pilastri dell’offerta di Commercio.network
    Supply chain: andare oltre il tradizionale modello lineare

    Supply chain: andare oltre il tradizionale modello lineare

    Le organizzazioni devono appoggiarsi a una rete di approvvigionamento dinamica e collaborativa