Home News Recruiter Sentiment: in Italia mancano professionisti digitali

Recruiter Sentiment: in Italia mancano professionisti digitali

-

Tempo di lettura: 2 minuti

L’indagine Recruiter Sentiment Italia 2019 – condotta dalla società Coleman Parkes su incarico di LinkedIn a partire dalle risposte di oltre 300 responsabili HR di aziende e di agenzie italiane, provenienti da 8 differenti settori industriali – conferma la mancanza nel nostro paese di professionisti digitali.

Secondo Carola Adami, CEO di Adami & Associati, società di head hunting leader nella ricerca e selezione di personale qualificato, “Ci sono molte aziende pronte a realizzare le trasformazioni digitali necessarie per diventare competitive a livello internazionale, ma molto spesso, dopo aver aspettato un decennio a causa della crisi economica, si trovano oggi ostacolate dalla mancanza delle digital skills necessarie. La soluzione più immediata è ovviamente quella di ricercare le competenze sul mercato del lavoro, individuando dei candidati in grado di fare recuperare all’azienda il tempo perso. Se non condotta a regola d’arte, però, la ricerca di personale digitale rischia di risultare infruttuosa, a causa dell’effettiva mancanza, nel nostro Paese, di un numero sufficiente di professionisti digitali.”

Adami aggiunge che “essendo maggiore la richiesta di professionisti digitali rispetto all’effettiva presenza di candidati idonei, assicurarsi i migliori talenti digitali significa poter contare su un vantaggio competitivo che può essere definito doppio nei confronti dei propri competitors.”

Non può che fare piacere il fatto che il 50% degli intervistati confermi il buon frangente del 2018, durante il quale il numero delle assunzioni sarebbe aumentato. Il 40% degli HR, invece, vede una sostanziale stabilità del mercato del lavoro italiano, mentre una minoranza non troppo sparuta – il 10% – lamenta una diminuzione del tasso di assunzione rispetto all’anno precedente.

Tra i motivi della riduzione delle assunzioni, stando alle dichiarazioni degli intervistati, ci sarebbero dapprima la mancanza degli strumenti adatti per la gestione della selezione del personale qualificato, e in secondo luogo la mancanza di professionisti preparati. Come spiegato da Carola Adami, infatti, “per un processo di recruiting soddisfacente per l’azienda le competenze giuste devono essere presenti da entrambi i lati, sia dalla parte del candidato che da quella selezionatore.”

Come anticipato, l’indagine di LinkedIn torna a puntare il dito contro la mancanza di skills digitali: a lamentare questa lacuna del mercato del lavoro italiano è il 40% dei responsabili delle Risorse Umane. Non si parla, peraltro, solo e unicamente di competenze digitali di alto livello, necessarie per procedure di analisi e di programmazione.

Guardando alle competenze digitali essenziali per entrare e crescere nel mercato del lavoro, i responsabili HR hanno infatti indicato sì delle generali competenze in ambito tecnologico e di coding (15%), ma anche la capacità di gestire le funzioni del pacchetto Microsoft Office (14%), e di gestire dei social media (12%).

Competenze come queste vengono richieste nei più svariati settori industriali, a partire dal finance (93%), dall’amministrazione (90%) e dal settore travel (85%). Guardando invece alle regioni, si scopre che le hard skills digitali sono fondamentali soprattutto per la Lombardia (dove le richieste di candidati con competenze digitali adeguate coprono il 51% del totale), il Lazio (30%) e l’Emilia Romagna (25%).

 

Redazione BitMAThttps://www.bitmat.it/
BitMAT Edizioni è una casa editrice che ha sede a Milano con una copertura a 360° per quanto riguarda la comunicazione rivolta agli specialisti dell'lnformation & Communication Technology.
  • Newsletter

    Iscriviti alla Newsletter per ricevere gli aggiornamenti dai portali di BitMAT Edizioni.

  • I più letti

    Social Network: quanto li hanno usati gli italiani nel 2020?

    Social Network: quanto li hanno usati gli italiani nel 2020?

    I nostri connazionali passano quasi 2 ore ogni giorno sui social, con un aumento dell'81% durante la quarantena
    Getac UX10

    Getac UX10: i nuovi tablet fully rugged

    La nuova generazione del tablet fully rugged Getac UX10 offre prestazioni in mobilità perfette per i professionisti che operano in ambienti di lavoro critici
    Rilasciato gratuitamente il codice sorgente del malware Cerberus

    Rilasciato gratuitamente il codice sorgente del malware Cerberus

    Potenziate le funzionalità che comprendono il furto del sistema 2FA e le funzionalità RAT
    Carter & Benson introduce il Corporate Coaching

    Cultura d’impresa: Carter & Benson introduce il Corporate Coaching

    Grazie alla collaborazione con Roberta Gandini l'azienda allarga l’offerta dei servizi di consulenza
    Canali di vendita: necessario un cambiamento del mix

    Canali di vendita: necessario un cambiamento del mix

    Con le nuove abitudini dei consumatori è necessario che i canali online coprano le perdite di quelli tradizionali