Home Portale BitMat Portale Slider Responsabili di cybersecurity: il 39% si sente isolato

Responsabili di cybersecurity: il 39% si sente isolato

-

Tempo di lettura: 2 minuti

Il 39% (33% a livello globale) dei responsabili di cybersecurity italiani dichiara di sentirsi completamente isolato nel proprio ruolo, senza supporto da parte del management. Il dato emerge dall’ultima ricerca Trend Micro, leader globale nelle soluzioni di cybersecurity.

I team IT sono sotto pressione, sia per dare un ordine corretto di priorità alle minacce (46% a livello italiano – 47% a livello globale), sia per tenere sotto controllo un ambiente di sicurezza eterogeneo (55% a livello italiano – 43% a livello globale). Molti sentono il peso delle proprie responsabilità e il 41% (34% a livello globale) dichiara che la soddisfazione nei confronti del proprio lavoro è diminuita negli ultimi 12 mesi.

“I responsabili delle aziende devono riconoscere che ogni individuo, responsabile della sicurezza informatica, avvertirà una certa tensione”, ha affermato Bharat Mistry, Principal Security Strategist, Trend Micro. “Nel momento in cui gli attacchi cyber crescono in volume e sofisticazione, le responsabilità devono essere condivise: nessuna azienda può permettersi di isolare la funzione IT”.

L’88% del campione (72% a livello globale), afferma che la cybersecurity è rappresentata a livello del board, ma molti non riescono ancora a beneficiare di questo. Il problema sembra essere una comunicazione inefficace, il 49% (44% a livello globale) ha difficoltà nel tradurre le minacce complesse ai responsabili aziendali e il 69% (57% a livello globale) afferma che la comunicazione interna è la maggior sfida di cybersecurity per la propria organizzazione.

Il campione rivela che spesso è necessario un importante attacco cyber per riuscire a farsi ascoltare. Il 76% (64% a livello globale) afferma infatti che la comunicazione diventa più facile in occasione di eventi di alto profilo, come ad esempio l’attacco di WannaCry. Questo deve far riflettere su come i team IT possano riuscire a oltrepassare le barriere di comunicazione, prima che accada un incidente.

Mistry ha poi continuato: “Sedersi nella stanza del board è solo il primo passo. I professionisti IT devono trovare i modi giusti per far valere delle competenze di sicurezza che sono integrate in tutta l’organizzazione. Potrebbero anche cercare di imparare di più dagli altri leader aziendali, su come comunicare meglio i rischi, in modo da assicurarsi che la sicurezza informatica sia prioritaria in ogni dipartimento”.

Redazione BitMAThttps://www.bitmat.it/
BitMAT Edizioni è una casa editrice che ha sede a Milano con una copertura a 360° per quanto riguarda la comunicazione rivolta agli specialisti dell'lnformation & Communication Technology.
  • Newsletter

    Iscriviti alla Newsletter per ricevere gli aggiornamenti dai portali di BitMAT Edizioni.

  • I più letti

    Cala la fiducia dei consumatori nei social network

    Cala la fiducia dei consumatori nei social network

    Il 46% dei consumatori si fida dei siti di notizie premium come fonte d'informazione preferita
    Attacchi informatici, il 90% parte da una email

    Attacchi informatici, il 90% parte da una email

    Le criticità dei livelli di protezione nelle banche nell'era post-covid
    Cybersecurity: non bastano competenze in campo IT

    Cybersecurity: non bastano competenze in campo IT

    La sicurezza informatica rappresenta una pratica a se stante dal punto di vista di responsabilità e gestione del rischio
    TikTok ha scelto Oracle come fornitore di cloud sicuro

    TikTok ha scelto Oracle come “fornitore di cloud sicuro”

    Oracle Corporation  ha annunciato di essere stata scelta per diventare il fornitore di tecnologia cloud sicuro di TikTok.  Questa decisione tecnica di TikTok è...
    Digital divide: sempre connessi con Uania

    Digital divide: sempre connessi con Uania

    La startup pugliese trasforma connessioni lente e instabili in banda ultralarga