L’azienda migliora le proprie soluzioni e si fonderà con Hortonworks

LOGO CLOUDERA
Tempo di lettura: 3 minuti

Continua la crescita di Cloudera anche nel 2018. La software house americana operante in numerose country tra cui l’Italia ha infatti chiuso l’anno con ottimi risultati in termini di fatturato e clienti. Ed è proprio il Belpaese, insieme alla Spagna, a trainare le vendite dell’azienda in EMEA con fatturato in salita a doppia cifra ed un conseguente aumento delle risorse dedicate sul territorio nazionale.

Le imprese di tutto il mondo stanno interiorizzando che diventare realtà data-driven sia ormai un requisito fondamentale per essere competitivi sul mercato. In questa direzione offriamo soluzioni in grado di gestire e analizzare tutti i tipi di dati, anche quelli non strutturati, sfruttando i benefici del machine learning e dell’intelligenza artificiale, il tutto con piattaforme in cloud o on-premise a seconda delle esigenze” ha spiegato Michele Guglielmo, Regional Sales Director di Cloudera.

L’offerta dell’azienda americana si amplierà a partire dalla fine di febbraio 2019 grazie alla sua fusione con Hortonworks. L’operazione da 5,2 miliardi porterà alla costituzione di un nuovo colosso informatico (il 60% sarà controllato da Cloudera) “padrone” di Hadoop in quanto le due società sono tra i principali sviluppatori di distribuzioni del framework aperto per i Big Data e il calcolo distribuito. La nuova realtà, in attesa del sì da parte dell’Antitrust americano, sarà guidata dal CEO di Cloudera Tom Reilly e potrà contare sui punti di forza delle due aziende, puntando sullo sviluppo di tecnologie complementari grazie anche al supporto di partner come AWS, Microsoft e IBM per citarne alcune. Obiettivo della nuova realtà sarà quello di raggiungere il miliardo di fatturato nel 2020.

Nel frattempo, Cloudera continua a puntare sull’innovazione lanciando nuovi servizi o migliorandone di alcuni già esistenti. La software house americana ha infatti appena presentato Cloudera Enterprise 6.0, rafforzando così la propria piattaforma per le applicazioni mission-critical di data warehousing e machine learning in ottica di ricerca, streaming, scalabilità e controllo. La piattaforma è disponibile sia on-premise che in cloud.

Non mancano anche le novità in Altus, la piattaforma PaaS per il cloud ibrido di Cloudera che consente di renderla disponibile come se fosse on-premise, svincolando i clienti dal provider di servizi cloud: in particolare, sono stati unificati controllo e governance dei carichi di lavoro su cloud pubblici e data center, gestiti direttamente dai clienti oppure come servizio da parte di Cloudera. A questo si aggiunge l’integrazione con SDX (Shared Data Experience) per il controllo unificato dei metadati critici che possono essere impostati una sola volta e applicati facilmente a qualunque carico di lavoro. Questo permette ai data scientist di ridurre il tempo speso nella preparazione dei dati all’analisi, concentrandosi così sull’analisi stessa. Proprio per migliorare il lavoro degli analisti è stato rafforzato anche Cloudera Data Science Workbech, strumento che semplifica la creazione e testing di nuovi progetti analitici anche in ambienti con grandi moli di dati. La soluzione offre infatti la capacità di creare, scalare e implementare soluzioni di apprendimento automatico utilizzando le tecnologie più potenti, agevolando al contempo la collaborazione tra data scientist.