Home News Secondo trimestre 2018: un nuovo malware per Android ogni sette secondi

Secondo trimestre 2018: un nuovo malware per Android ogni sette secondi

-

Tempo di lettura: 2 minuti

Il primo semestre 2018 ha visto riprendere la crescita esponenziale del malware, dopo il leggero calo registrato nel 2017. Nel secondo trimestre dell’anno i ricercatori G DATA hanno rilevato un nuovo malware per Android ogni sette secondi. Con 2.040.293 nuove app dannose a carico del sistema operativo mobile nei primi sei mesi dell’anno si è raggiunto un nuovo record negativo. Nel solo secondo trimestre sono stati scoperti circa 1,2 milioni di nuovi malware. In soli sei mesi è già stato superato il valore registrato nel corso dell’intero 2015.

In rapporto al primo semestre del 2017 (1.447.422) si è registrata una crescita di circa il 40%; l’aumento è “solo” del 31% se raffrontato con le rilevazioni della seconda metà dello scorso anno (1.555.060). Per l’anno in corso gli esperti di sicurezza G DATA si aspettano circa 3.500.000 nuovi malware per Android. I cybercriminali paiono attualmente alla ricerca di nuovi metodi per veicolare attacchi sui dispositivi mobili dotati di Android, un interesse che non meraviglia: in Europa circa il 70% dei dispositivi mobili (smartphone 75% / tablet 65%) è dotato del sistema operativo Android, un dato che trova un riscontro esatto nelle quote di mercato di Android presso gli utenti italiani.

Perché questa impennata del malware per Android?

Secondo le più recenti analisi degli esperti G DATA, i cybercriminali si stanno focalizzando sul gaming in ambito mobile, producendo malware a ritmi estremamente sostenuti. Sempre più produttori rendono disponibili su smartphone e tablet popolari giochi per Pc o console, attesissimi dagli utenti. Una tendenza che non è sfuggita agli hacker, ne è un esempio la recente manipolazione dell’app Fortnite.

Inoltre gli attaccanti cercano nuove modalità per veicolare in maniera creativa malware particolarmente remunerativi sui dispositivi mobili, come mostra il nuovo worm per Android rilevato dai ricercatori G DATA lo scorso giugno. Il worm (ADB.Miner) attiva una richiesta di debugging della porta USB per collegarsi allo smartphone tramite interfaccia ADB (Android Debug Bridge). Se l’utente clicca su ok, il dispositivo viene infettato e ricerca in Internet porte TCP 5555 aperte per creare una botnet di device di cui gli attaccanti poi abusano per il mining di XMR Coins (Monero).

 

Redazione BitMAThttps://www.bitmat.it/
BitMAT Edizioni è una casa editrice che ha sede a Milano con una copertura a 360° per quanto riguarda la comunicazione rivolta agli specialisti dell'lnformation & Communication Technology.
  • Newsletter

    Iscriviti alla Newsletter per ricevere gli aggiornamenti dai portali di BitMAT Edizioni.

  • I più letti

    Open banking: è boom di investimenti in Europa

    Open banking: è boom di investimenti in Europa

    Le istituzioni finanziarie stanno dando priorità a casi d'uso che portano valore immediato alla propria attività
    Jesper Trolle CEO EXN

    Jesper Trolle è il nuovo CEO di Exclusive Networks

    Il nuovo CEO, che subentra con effetto immediato al fondatore Olivier Breittmayer, guiderà l’azienda verso una nuova fase di crescita
    Cala la fiducia dei consumatori nei social network

    Cala la fiducia dei consumatori nei social network

    Il 46% dei consumatori si fida dei siti di notizie premium come fonte d'informazione preferita
    Dispositivi ricondizionati: 8 miti da sfatare

    Dispositivi ricondizionati: 8 miti da sfatare

    Si parla molto di dispositivi rigenerati, ma siamo sicuri di sapere di cosa si tratta?
    Cerved sceglie Bitrock gestire i dati in modo resiliente e scalabile

    Cerved sceglie Bitrock gestire i dati in modo resiliente e scalabile

    Risultati: replicazione continua dei dati, processi quasi in tempo reale, regole aziendali centralizzate, modularità e affidabilità