smau banner

Aperta oggi la quarta edizione di Smau | Italy RestartsUP in Berlin powered by ICE e Smau che oggi a Palazzo Italia porterà sulla scena internazionale una selezione di 40 startup italiane con l’obiettivo di creare nuove connessioni, favorire l’avvio di nuove partnership e relazioni commerciali con l’ecosistema dell’innovazione tedesco. Il modello è quello dell’Open Innovation, favorendo quindi l’incontro e lo scambio con imprese tedesche aperte all’innovazione proveniente dall’esterno e fortemente interessate ad entrare in contatto con l’innovazione Made in Italy e con realtà, come incubatori e acceleratori dell’innovazione, che svolgono un ruolo di “ponte” tra le startup e le imprese mature che hanno sede a Berlino.

Protagoniste della giornata le 40 startup italiane selezionate per presentare i propri prodotti e servizi alle imprese tedesche all’interno della meeting area di Palazzo Italia e all’interno delle sessioni in programma attraverso brevi pitch da 90 secondi. Le startup, attive soprattutto nei settori in cui c’è maggiore interesse da parte del mercato tedesco, come ad esempio Industry 4.0, Fashion&Design, FinTech&InsurTech, Smart City e Life Science provengono da diverse regioni d’Italia come Campania, Lazio, Liguria, Lombardia, Trentino e Sicilia e sono supportate dai rispettivi sistemi regionali dell’Innovazione: incubatori, acceleratori e agenzie per lo sviluppo del territorio, che sostengono la nascita di nuove imprese e ne favoriscono il loro ingresso sui mercati nazionali ed internazionali.

Sono 8 le startup della Campania: Hear Me Well, progetto nato all’interno della Apple Developer Academy, che consiste in un’app a che trasforma il proprio telefonino in un apparecchio acustico, con l’ausilio di un qualsiasi paio di cuffie. Tramite un breve test audiometrico, l’applicazione amplifica e rimodula le diverse frequenze del suono captate dal microfono del telefono in modo da compensare le carenze uditive di una persona;  Hearth, una piattaforma di management di microeventi (creazione, pubblicazione, editing, ricerca, partecipazione) geolocalizzati che permette a territori, imprese e attività commerciali di espandere il proprio mercato e raggiungere un nuovo pubblico attraverso una nuova e originale forma di publishing digitale; Tolemaica, startup che presenta OwnClick, un servizio di datacertazione delle foto dei propri iscritti in modo semplice, veloce ed economico attraverso l’inserimento delle immagini ed il rilascio di un elemento probatorio con valore legale; Youbiquo,  startup innovativa che progetta e realizza dispositivi di elettronica indossabile connessi in rete, per facilitare l’attuazione di operazioni specializzate con supporto remoto. Tra i prodotti presentati Talens sono degli Smart Glasses a Realtà Aumentata dotati di un software per l’assistenza personale, pensati per il mercato dell’Industria della manutenzione e per la logistica; Eurokompras e-shop®, il primo hub e Marketplace di prodotti, servizi e innovazioni “Made in European Union”, nato per facilitare gli scambi commerciali e tecnologici tra l’Unione Europea, l’America Latina e l’Africa utilizzando come strumento fondamentale e innovativo per lo sviluppo del business l’Information and Communication Technology; eProInnSpin-Off dell’Università di Salerno, creata per favorire l’industrializzazione del sistema proprietario HySolarKit per la conversione di autoveicoli convenzionali in veicoli ibridi-solari; PLM Data, startup che fornisce consulenza nel settore della manifattura additiva, tramite stampanti 3D; My Circle, aggregatore spontaneo di persone con finalità di acquisto di biglietti di gruppo al fine di creare gruppi di persone che condividono passioni e interessi e creare nuove dinamiche di acquisto.

A commento della partecipazione della Campania a Berlino, Valeria Fascione, Assessore all’Innovazione, Startup e Internazionalizzazione afferma: “Anche per questa quarta edizione, la Regione Campania è presente a Berlino con una delegazione di 8 aziende innovative tra startup e spin-off. La tappa tedesca – assieme alla recente esperienza londinese – rappresenta il valore aggiunto del già eccellente Roadshow dedicato all’innovazione targato SMAU. Per le giovani realtà imprenditoriali è un’occasione rilevante per dialogare con player internazionali e avviare rapporti di collaborazione e business per ampliare il proprio mercato. La chiave internazionale rappresenta una delle tre leve – assieme a innovazione e startup – su cui stiamo puntando maggiormente come giunta regionale, consapevoli che per raggiungere una dimensione europea in grado di attirare investitori e capitali occorra lavorare sulla qualificazione dell’offerta in coerenza con le nuove sfide dei mercati globali. In tale quadro vanno a iscriversi, infatti, i nostri recenti provvedimenti rivolti all’ecosistema regionale in materia di internazionalizzazione per 20 milioni di euro e di innovazione e trasferimento tecnologico per 55 milioni di euro”.

Sono 5 le startup provenienti dalla LiguriaAlpha-Cyber, startup che si occupa di IOT, Blockchain, Cyber security e in particolare a Berlino si presenta con un’applicazione che permette di mettere in contatto i vari sistemi di pagamento posteggi delle varie città; Biki Technologies, spin-off di IIT, produce un software per le industrie farmaceutiche in gradi monitorare e testare nuovi farmaci; Ellotech, startup che produce e commercializza un innovativo sistema per varare e alare le barche in autonomia che prende il nome di Elloboat; Himarc srl startup che sviluppa e commercializza prodotti e servizi innovativi per migliorare la sicurezza delle persone e la protezione delle infrastrutture critiche; Kuma Energy sviluppa il proprio brevetto per impianto cimoelettrico, ECOMar, sistema modulare di conversione energetica del moto ondoso “controllato”.

Accompagnano e coordinano la delegazione ligure il Presidente di Liguria International Ivan Pitto e il Dirigente dello Sviluppo strategico del tessuto produttivo e dell’economia della Regione Liguria Alberto Pellissone. A commento della partecipazione della Regione Liguria a Smau l’Assessore Regionale allo Sviluppo economico e all’Innovazione Andrea Benveduti afferma: “Lo scorso anno abbiamo portato 5 startup innovative liguri allo Smau, riscuotendo un ottimo successo. Berlino è un’incredibile vetrina per le nostre start-up innovative e un’importante occasione per farsi conoscere e stringere possibili rapporti commerciali. In questa tappa sarà presente anche Digital Tree, che ha già partecipato con le startup del suo incubatore alle giornate Smau di Londra. Siamo già al lavoro per la tappa che vedrà protagonista Genova, dal 20 al 22 novembre, per aiutare le aziende del territorio a cogliere le opportunità di business e trovare partner innovativi per crescere sui mercati”.

La Regione Lazio supporta la creatività, l’innovazione e le nuove tecnologie, per uno sviluppo sostenibile, equo e inclusivo, attraverso un articolato programma di interventi per cui sono stati investiti 330 milioni di euro dei Fondi europei 2007-2013 e stanziati, sulla programmazione 2014-2020, oltre 100 milioni per startup, creativi e innovatori e 150 milioni per l’industria 4.0. La Regione Lazio mette a disposizione delle imprese, giovani e innovative, le risorse necessarie per affrontare la sfida in atto nei nuovi processi tecnologici e produttivi, offrendo inoltre un ampio programma di azioni per l’internazionalizzazione sui mercati esteri a favore della diffusione e del consolidamento del made in Italy.

Sono 5 anche le startup provenienti dal LazioEcobubble, startup specializzata in attività di progettazione ecologica e sviluppo di giardini pensili tecnologici. La startup è in grado di selezionare piante specifiche per ridurre la concentrazione di gas tossici e di raccogliere i Big Data geolocalizzati per supportare politiche ecologiche e sviluppare una maggiore consapevolezza della città intelligente eco-compatibile; Healthia, startup di servizi digitali che ha realizzato HappySalus, sistema innovativo di E-Health progettato per monitorare, gestire, prevenire e ridurre dinamicamente il rischio di contrarre malattie gravi nelle persone; Hendo, startup innovativa che a Smau presenta Beekon, una piattaforma web integrata per la comunicazione e il marketing di prossimità che da un hardware, un’app e un sito web rende più semplici, efficienti e misurabili le interazioni tra aziende e clienti di diversi mercati: eventi, crociere, porti e porti turistici, sicurezza sul lavoro , vendita al dettaglio e canale di vendita al dettaglio di massa, marketing distrettuale e turistico; IDEGO, startup che si occupa della creazione e dello sviluppo di software di Realtà Virtuale da applicare nei campi medico, sanitario, riabilitativo, sociale, educativo e di formazione aziendale; Wise Robotics, una start-up innovativa che ha realizzato il pluripremiato Quakebots Monitoring System che sintetizza tutto il know-how aziendale in un sistema di monitoraggio vibrazionale e sismico compatto, intelligente, conveniente, scalabile, continuo e basato su cloud per la manutenzione in tempo reale e predittiva degli edifici.

Sono 6 le startup provenienti dalla SiciliaCoderblock by Novatek, il primo recruitment marketplace che favorisce l’incontro fra aziende e freelancer digitali al fine di ottimizzare le collaborazioni remote e diminuire tempi, costi e rischi del processo produttivo tradizionale; Geofunction, ICT company specializzata nello sviluppo di soluzioni software per Local Based Services, WebGIS e mobileGIS systems; Lab.Inntech, società di ingegneria impegnata nell’ ideazione e sviluppo di progetti di innovazione sostenibile; Morpheos, startup che ha creato Momo, lampada di design che rende ogni casa intelligente, grazie alla combinazione di IoT e Intelligenza Artificiale; Park Smart, startup che ha sviluppato una tecnologia in grado di monitorare l’occupazione dei parcheggi con un software intelligente di visione artificiale;Smartme.Io, startup che si occupa della progettazione e dell’implementazione di prodotti basati sulla combinazione di tecnologie IoT open e low cost con tecnologie Cloud basate su piattaforma OpenStack per offrire soluzioni innovative per sistemi di Metering, Devices e Fleet Management, Monitoring, Crowdsensing e altri aspetti degli Smart Environment.

“Sulla strada dell’innovazione non possiamo avere limiti di velocità. La Sicilia intende proseguire con decisione lungo il percorso intrapreso di sostegno e promozione dell’innovazione” –  afferma l’Assessore alle Attività produttive della Regione siciliana Girolamo Turano a commento della partecipazione delle startup della regione – “Abbiamo sul campo – continua Turano – importanti strumenti di programmazione e sostegno all’innovazione: dalla Strategia per la specializzazione intelligente S3 al Programma regionale di internazionalizzazione PRINT SICILY 2020, passando per il Programma Operativo FESR Sicilia 2014-2020 con obiettivi tematici su ricerca, innovazione, sviluppo, agenda digitale e competitività. Con il Presidente Musumeci abbiamo intenzione di sfruttare al massimo questi strumenti al fine di creare nel nostro territorio un ecosistema ideale a favorire lo sviluppo dei processi di innovazione e a sostenere il fermento innovativo di startup. Siamo consapevoli – conclude l’Assessore – che la sfida del superamento dell’Innovation divide si vinca anche con un metodo nuovo fatto di coinvolgimento, sensibilizzazione e partecipazione dei diversi stakeholders. In questo senso e nella logica dell’Open Innovation eventi come questa edizione di Smau | Italy RestartsUp in Berlin powered by ICE e Smau sono delle occasioni straordinarie per avviare una osmosi positiva tra l’ecosistema dell’innovazione italiano e quello basato in Germania”.

Dal Trentino arrivano invece Chino.io, società che aiuta le aziende che sviluppano applicazioni sanitarie ad assicurare il rispetto delle normative sulla protezione dati; Monokee, una completa e personalizzabile soluzione di Identity and Access Management as a Service che ha l’obiettivo di rendere il business più sicuro, garantendo la salvaguardia dei dati personali e delle proprietà intellettuali;  Windcity, startup che ha realizzato un nuovo modo per convertire il vento in energia eolica: si tratta di un sistema a geometria variabile adatto a venti variabili. Rispetto alle turbine convenzionali, il sistema a geometria variabile può raggiungere un più 80% di energia prodotta, offrendo nuove prospettive al settore del minieolico, che ha già suscitato grande interesse per possibili applicazioni su edifici industriali, commerciali, siti urbani ad alto transito di veicoli, come stazioni, aeroporti, autostrade, ma anche per fornire energia pulita a basso costo presso le realtà urbane dei Paesi in via di sviluppo; Medicaltech, strumento di telemedicina per il monitoraggio cardiaco e malattie cardiovascolari attraverso sistemi elettrocardiografici integrati.

A commento della partecipazione delle startup trentine a Smau, Nicola Politodirettore operativo di Trentino Sviluppoafferma: “Siamo presenti a SMAU Berlino per tre ragioni. In primo luogo è per noi l’occasione per condividere con tanti partner e potenziali investitori il modello di innovazione e trasferimento tecnologico avanzato creato in Trentino ed in particolare nei due Poli specialistici dedicati alla meccatronica, alla green economy & sport tech. A Berlino presentiamo 4 startup che rappresentano tre settori strategici: energie rinnovabili, sicurezza digitale e telemedicina. Sono aziende che hanno investito molto in innovazione ed hanno trovato nei nostri incubatori d’impresa un terreno fertile di collaborazione con gli enti di ricerca locali. In secondo luogo a SMAU ci presentiamo agli investitori per possibili iniziative d’impresa da parte di aziende tedesche, che possono trovare nel Trentino la porta naturale verso l’Italia. Infine andiamo a Berlino per raccogliere spunti, come fatto a inizio maggio a Londra, per imparare dalle migliori esperienze europee come far crescere i nostri poli tecnologici”.

In occasione di Smau Berlino sono presenti anche 5 startup presentate da Intesa Sanpaolo Innovation Center. Si tratta di AGE srl, startup che sta sviluppando REVOILUTION, elettrodomestico per produrre EVO fresco, non adulterato e personalizzato secondo i gusti del cliente. L’espresso EVO è ricco di polifenoli: grazie ai suoi benefici anti-infiammatori e anti-invecchiamento, può essere considerato un gustoso elisir di vita; Chorally,  la prima piattaforma che consente l’integrazione tra l’intervento umano e BOT all’interno delle attività di customer service senza l’utilizzo di software di terze parti; Graffiti for Smart City, progetto di #digitalstreetart concepito per recuperare aree dismesse nelle città e creare nuovi luoghi di incontro con attrazioni artistiche. Si tratta di smartwall composte da tessere di mosaici biobased molto sottili e rivoluzionari in cui la tecnologia consente di connettersi con lo smartphone, assicurando diversi servizi: capacità di scoprire punti di interesse, ricevere informazioni, pagare parcheggi, creare composizioni artistiche da condividere sui social e, infine, utilizzare rete wi-fi e 5G; Orchestra, realtà che supporta l’industria manifatturiera per creare servizi digitali innovativi applicando le sue soluzioni per il monitoraggio in tempo reale, il controllo, la diagnostica e la configurazione remota di macchinari e impianti; XFARM, startup che ha realizzato piattaforma software a 360 gradi che mira a offrire uno strumento completo per la gestione di un’azienda agricola, dalla semina fino alla vendita dei prodotti, passando attraverso il controllo degli stock e la gestione delle macchine agricole, compresa l’interazione e il controllo di i sensori posizionati nei campi.

Berlino rappresenta sempre più a livello europeo un punto di riferimento nell’ecosistema dell’innovazione e delle startup”, commenta Maurizio Montagnese, presidente di Intesa Sanpaolo Innovation Center.  “Noi, come Gruppo Intesa Sanpaolo vogliamo giocare un ruolo da protagonista in questa sfida con la missione di esplorare nuovi modelli di business per creare asset e competenze necessarie a supportare la competitività di lungo periodo. Con il sostegno dell’Ambasciata d’Italia a Berlino e di Smau vogliamo accelerare questo processo virtuoso con l’obiettivo di favorire sempre più le connessioni tra startup e imprese in ottica di Open Innovation”.

Sono 6 le startup selezionate da ICE: 3DSIGN.BAND, startup che ha realizzato HOME3D, piattaforma che sfrutta la realtà aumentata e la realtà virtuale per creare ambienti tridimensionali interattivi in tempo reale. AzzurroDigitale, startup che ha sviluppato AWMS, una soluzione SaaS unica dedicata al funzionamento e alla gestione delle risorse umane che consente di avere le risorse più qualificate con le giuste competenze in tempo reale; Future Fashion, realtà che ha creato Design Italian Shoes, una piattaforma di e-commerce che consente all’utente di realizzare scarpe personalizzabili 100% handmade in Italia. Utilizzando il configuratore 3D, è possibile creare più di 50 milioni di combinazioni diverse. Le scarpe sono fatte a mano in Italia e vengono prodotte entro 10 giorni; Majeeko, piattaforma che consente agli amministratori delle pagine di Facebook di creare il proprio sito Web attraente, professionale, completamente reattivo e graficamente personalizzabile e perfettamente visibile su qualsiasi dispositivo mobile, tablet e desktop; Route 220, startup innovativa dedicata alla e-mobility che ha realizzato evway, app che fornisce una mappatura completa e interattiva di tutte le stazioni di ricarica in Europa, insieme alla mappatura dei punti di interesse e delle strutture vicine. Evway è la prima rete italiana ad essere interoperabile con altre reti europee; WeAR startup che presenta Marko (Manual in Augmented Reality, Kit in Overlay): un SaaS che consente alle aziende di creare manuali e istruzioni d’uso interattivi basati sulla realtà aumentata.

Sarà inoltre presente Hevolus, azienda italiana B2B con approccio internazionale, specializzata nella ricerca e sviluppo di modelli di business innovativi, in particolare per l’industria del mobile retail, finalizzata a creare un’esperienza cliente coinvolgente ed emotiva. L’azienda sviluppa progetti attraverso soluzioni digitali innovative basate su tecnologie dirompenti, tra cui realtà virtuale, realtà mista, realtà aumentata, intelligenza artificiale.

All’evento sarà inoltre presente QVC Italia, rappresentato da Paolo Penati, Amministratore Delegato di QVC, il quale afferma: “Con QVC Next diamo voce ai talenti imprenditoriali del ‘Made in Italy’ e con la nostra presenza a Smau Berlino vogliamo raccontare il nostro modello di Open Innovation e condividere la nostra expertise anche con il mondo Fashion&Design presente all’evento. SMAU rappresenta infatti per QVC Next un’importante occasione per entrare in contatto con le realtà più innovative e promettenti del panorama imprenditoriale italiano, che ci auguriamo di poter introdurre al mercato con successo attraverso le nostre piattaforme”.

Le startup sono state presentate ufficialmente all’ecosistema di imprese e innovatori tedeschi mercoledì sera nell’ambito del Ricevimento Ufficiale presso l’Ambasciata Italiana a BerlinoOggi, 14 giugno le startup si presenteranno nell’ambito di brevi pitch all’interno di 5 panel tematici e presenteranno i loro prodotti e servizi nella meeting area diPalazzo Italia. Venerdì le startup, insieme alla delegazione italiana a Berlino visiterà i principali luoghi dell’innovazione della città: Axel Springer Porsche AcceleratorEinstein Center, GTEC (presso gli spazi di Wework) e Silicon Allee

Sul sito www.smau.it/berlin18/ è on line il programma dettagliato degli eventi di Smau | Italy RestartsUp in Berlin