Le banche pilot si preparano al go-live previsto per inizio 2017

È stata completata con successo da SWIFT la fase pilota dell’iniziativa globale per l’innovazione dei pagamenti (GPI – Global Payments Innovation), confermando l’avvio del servizio per inizio 2017.

Nel corso della fase pilota, la struttura generale e le funzionalità del servizio sono state testate con successo da 15 banche globali – tra cui le italiane UniCredit e Intesa Sanpaolo – che rappresentano più del 30% dei pagamenti transfrontalieri. In parallelo, altre 10 banche globali hanno iniziato la preparazione in vista dell’avvio del nuovo servizio.

“La fase pilota ha dimostrato che il nostro approccio innovativo ai pagamenti transfrontalieri è efficace – afferma Wim Raymaekers, Global Head of Banking Market di SWIFT e project lead per l’iniziativa – In base ai feedback delle banche del gruppo pilota, sappiamo che la fase di implementazione potrà essere rapida, entro 6 mesi. Questa è un’ottima notizia per SWIFT e per l’intera comunità bancaria. Grazie ad un modo innovativo di pensare i pagamenti cross-border, che è alla base dell’iniziativa, e alla stretta collaborazione con un importante numero di banche, stiamo dando alle banche stessa la capacità di tracciare i pagamenti in qualsiasi momento del processo utilizzando le piattaforme già esistenti, su cui applicare la tecnologia innovativa sviluppata da SWIFT.”

L’iniziativa SWIFT per l’innovazione dei pagamenti è stata pensata per migliorare significativamente la customer experience nell’ambito del correspondent banking, incrementando velocità, trasparenza e tracciabilità end-to-end dei pagamenti transfrontalieri. Il servizio di tracciabilità sarà in cloud e sarà basato su un database globale ospitato da SWIFT.

In totale, hanno già aderito all’iniziativa oltre 80 banche globali e il numero è in continua crescita.