Quest’anno il valore della criptovaluta è salito del 107%

Le minacce finanziarie del 2021: le previsioni di Kaspersky
Tempo di lettura: 1 minuto

L’analista di mercato ed esperto di criptovalute di eToro Simon Peters ha dichiarato che, “Per la prima volta da gennaio 2018, il Bitcoin ha superato la soglia dei 15.000 dollari nel corso delle ultime ore. Quest’anno il valore della criptovaluta è salito del 107%.

Il Bitcoin ha avuto una spinta sostenuta superando, recentemente, una serie di significativi punti di prezzo: prima 12.000 dollari, poi 14.000 dollari e ora 15.000 dollari. Gli investitori danno molta importanza a questi cosiddetti “livelli di resistenza”, in quanto si tratta di punti in cui si verifica spesso un’attività di acquisto o di vendita.

Uno dei motivi che hanno spinto alla creazione del Bitcoin è il timore che l’aumento degli stimoli fiscali possa svalutare le valute tradizionali a livello globale. Di conseguenza, quando le banche centrali annunciano ampi piani per iniettare denaro nelle economie, molti investitori della comunità cripto reputano questo come un importante segnale per l’acquisto dei bitcoin.

Le elezioni americane stanno gradualmente volgendo al termine, e la situazione legata agli stimoli fiscali negli USA potrebbe divenire più chiara. Qualsiasi pacchetto di questo tipo potrebbe generare un indebolimento del dollaro americano e, in futuro, ulteriori aumenti del prezzo del bitcoin.

Il numero di bitcoin detenuti dai broker o dalle borse, in controtendenza rispetto a quanto avviene con i portafogli degli investitori, continua a diminuire. Questo suggerisce che gli investitori cercano sempre più di detenere i bitcoin per lunghi periodi di tempo, piuttosto che fare trading sulle fluttuazioni di prezzo. La riduzione dei bitcoin in circolazione e l’aumento della domanda, potrebbe essere tra le ragioni dietro al continuo aumento del prezzo.”