Home Vertical Startup Le startup guidano le innovazioni delle multinazionali

Le startup guidano le innovazioni delle multinazionali

-

Tempo di lettura: 6 minuti

Portare innovazione nei processi aziendali e accrescere la competitività sul mercato: è questo il ruolo che le startup innovative stanno con sempre più forza assumendo nel panorama industriale, conquistando il consenso e il supporto di grandi brand e multinazionali.

A dimostrarlo i numerosi successi collezionati in questi primi mesi del 2020 dalle imprese di I3P – Incubatore di Imprese Innovative del Politecnico di Torino: i sistemi di ricarica wireless di Enermove sono stati scelti dalla multinazionale francese Michelin per alimentare le batterie dei suoi carrelli elevatori; ALBA Robot è stata scelta da Alexa Fund, il fondo di investimento di Amazon, e Techstars per entrare a far parte del programma di accelerazione Alexa Next Stage Powered By Techstars; la pmi innovativa Scloby, che ha creato una soluzione cloud per la gestione integrata delle attività legate a un negozio o ristorante, è stata acquisita dal Gruppo ZucchettiEasyRain ha annunciato la partnership con Italdesign e Bosch per portare a termine lo sviluppo di A.I.S. (Aquaplaning Intelligent Solution), l’innovativo sistema di sicurezza attivo pensato per ridurre il fenomeno dell’aquaplaning, e si prepara a comunicare a settembre l’ingresso nel board di un importante manager di caratura internazionale; TUC S.r.l infine ha presentato la versione pre-industrializzata di TUC.technology, implementata sulla piattaforma elettrica Volkswagen MEB (fornita dall’omonimo gruppo) e avvalendosi del supporto di numerosi partner tra cui Bosch, Lavazza, Sabelt e Chicco.

Riconosciuto come il Miglior Incubatore Pubblico su scala globale secondo l’UBI Global World Rankings of Business Incubators and Accelerators 2019 – 2020, I3P ha infatti costruito una strategia di collaborazione con soggetti privati ed istituzioni impegnati nella ricerca ed alta formazione, nei servizi per il trasferimento tecnologico, nel finanziamento dell’innovazione, nell’internazionalizzazione, così da creare un network in grado di supportare l’ecosistema dell’imprenditorialità per generare sviluppo economico ed occupazione in aree e filiere industriali ad elevata intensità di innovazione.

“Lavoriamo quotidianamente con le startup e le aziende legate all’Incubatore sia attraverso il supporto diretto alla definizione delle strategie di sviluppo, sia attraverso le partnership con primari interlocutori del mondo industriale e del settore della finanza imprenditoriale”, sottolinea Giuseppe Scellato, Presidente I3P.

L’interesse di grandi aziende, brand riconosciuti a livello internazionale rappresenta un importante riconoscimento per tutto il sistema di innovazione locale che abbiamo costruito e che continuiamo a sviluppare giorno dopo giorno: soprattutto in questo momento storico, in cui le imprese stanno rivedendo i propri modelli di business e valutando nuove strategie di investimento, le startup e le scaleup sono realtà che – grazie alle loro tecnologie, all’agilità e alla capacità di adattamento – si rivelano fondamentali per il rilancio di tanti settori. Allo stesso tempo – conclude Scellato – valorizzano il territorio, essendo in grado di attrarre nuovi progetti imprenditoriali ad alta intensità tecnologica”.

Michelin sceglie i sistemi di ricarica wireless di Enermove
La multinazionale francese Michelin ha scelto di sperimentare la tecnologia di Enermove, startup spin-off del Politecnico di Torino e incubata in I3P per alimentare le batterie dei suoi carrelli elevatori con il sistema di ricarica wireless.
La startup torinese si occupa infatti di progettare, realizzare e installare sistemi per la ricarica wireless di veicoli elettrici della logistica industriale, come carrelli elevatori e sistemi a guida automatica (AGV). Con l’apporto tecnologico di Enermove, Michelin si propone di migliorare la gestione e il monitoraggio dell’energia e la produttività dell’impianto nell’ottica di Industria 4.0: è possibile eliminare le problematiche legate alla sostituzione o ricarica delle batterie, aumentando le missioni e l’operatività del carrello e di conseguenza la redditività del reparto.

La piattaforma di ALBA Robot per rendere le sedie a rotelle controllabili con la voce integrando Alexa di Amazon
Muovere una sedia a rotelle senza mani ma semplicemente con la voce, integrando Alexa: con il suo progetto destinato a rivoluzionare la mobilità delle persone con difficoltà motorie, la startup I3P ALBA Robot è una delle 7 startup selezionate a livello mondiale da Alexa Fund, fondo di investimento da 200 milioni di dollari di Amazon che fornisce capitale di rischio per alimentare l’innovazione della tecnologia vocale, e Techstars, acceleratore e finanziatore di startup, per entrare a far parte della first class dell’Alexa Next Stage. Supportato da Techstars, Alexa Next Stage è il programma virtuale di accelerazione – nato dal successo dell’Alexa Accelerator, Powered by Techstars – pensato per supportare le startup che intendono integrare Alexa con la loro tecnologia, al fine di creare nuove e innovative esperienze per gli utenti.
Con sede a Torino, ALBA Robot, Spinoff di Moschini S.p.A. e Teoresi Group S.p.A., sta infatti lavorando allo sviluppo di una piattaforma per rendere le sedie a rotelle tradizionali smart, autonome e controllate con la voce evitando l’uso delle mani, dotate di sistemi di navigazione di bordo e pensate per migliorare l’indipendenza delle persone con mobilità ridotta soprattutto in ospedali, aeroporti e centri commerciali.

Il punto cassa cloud di Scloby acquisito dal Gruppo Zucchetti
Grazie alla sua soluzione cloud per la gestione delle vendite in grado di unire la velocità di un punto cassa con la flessibilità di un gestionale, la pmi innovativa Scloby ha conquistato il Gruppo Zucchetti, che ha acquisito il 100% della società.

Nata nel 2013 presso l’I3P, Scloby ha creato una piattaforma cloud che permette a piccoli commercianti, ristoranti e negozi di gestire la propria attività in maniera efficace e performante da qualsiasi luogo e utilizzando qualsiasi dispositivo, come computer, smartphone o tablet. Consente così di gestire in maniera integrata i canali di vendita, dalle vendite in negozio all’ecommerce, e di avere a portata di mano tutti gli aspetti relativi a magazzino, fatturazione, marketing e fidelizzazione, raccogliendo ed analizzando i dati ed assicurando grande flessibilità.

EasyRain in partnership con Italdesign e Bosch per ridurre il fenomeno dell’aquaplaning
EasyRain
, azienda specializzata nel settore della tecnologia applicata alla sicurezza stradale cresciuta in I3P, ha annunciato la partnership con Italdesign e Bosch per portare a termine lo sviluppo di A.I.S. (Aquaplaning Intelligent Solution), l’innovativo sistema di sicurezza attivo pensato per ridurre il fenomeno dell’aquaplaning. Grazie al supporto di importanti partner come Italdesign e Bosch, EasyRain potrà dunque compiere un decisivo passo avanti nello sviluppo dell’AIS, consentendo il trasferimento di tutto il know-how acquisito (e brevettato) negli anni di ricerca nello sviluppo di un prototipo TRL7 completamente integrato nell’auto e già rivolto all’industrializzazione. Una nuova fase di prototipazione automobilistica, che dovrebbe durare fino alla metà del 2021, porterà alla definizione di un prototipo di livello B, che sarà completamente integrato su un’auto Audi A6 grazie all’autorizzazione della casa madre. Intanto stanno maturando i contatti con i costruttori di auto interessati a pianificare dei test sperimentali.

TUC.technology presenta il veicolo del futuro implementato su piattaforma Volkswagen

TUC S.r.l, la società fondata e guidata da Ludovico Campana e Sergio Pininfarina, ha recentemente presentato la versione pre-industrializzata di TUC.technologyimplementata sulla piattaforma elettrica Volkswagen MEB (fornita dall’omonimo gruppo).

La tecnologia brevettata TUC.technology combina in un sistema integrato hardware e software, differenti tecnologie e permette di avere un plug tecnologico dove – con un solo gesto – è possibile ancorare in sicurezza, alimentare e connettere qualsiasi componente costituente l’interno del veicolo, dai sedili alle plance, dai display ai devices realizzati ad hoc, così da rendere l’esperienza della mobilità su misura per ciascun utente.

Nel progetto hanno creduto numerosi ed importanti partner con i quali sono stati creati i primi componenti plug&play per l’automotive powered by TUC.technology, tra cui: sedili monoscocca con l’integrazione di impianto audio, ambient light e smartphone station con SABELT; dashboard smart da 12” con BOSCH; seggiolino con sistema di sicurezza BeBeCare e sistema di intrattenimento audio per il bimbo con CHICCO; macchine del caffè integrabili in veicoli con LAVAZZA.

Redazione BitMAThttps://www.bitmat.it/
BitMAT Edizioni è una casa editrice che ha sede a Milano con una copertura a 360° per quanto riguarda la comunicazione rivolta agli specialisti dell'lnformation & Communication Technology.
  • Newsletter

    Iscriviti alla Newsletter per ricevere gli aggiornamenti dai portali di BitMAT Edizioni.

  • I più letti

    Vetrya Cloud, la nuova business unit per il cloud computing

    Vetrya Cloud, la nuova business unit per il cloud computing

    Obiettivo: sviluppare servizi, progetti e soluzioni che impiegano la tecnologia Microsoft Cloud Computing Azure
    Rilasciato gratuitamente il codice sorgente del malware Cerberus

    Rilasciato gratuitamente il codice sorgente del malware Cerberus

    Potenziate le funzionalità che comprendono il furto del sistema 2FA e le funzionalità RAT
    5 tecnologie che diventeranno realtà grazie al 5G

    5 tecnologie che diventeranno realtà grazie al 5G

    Telemedicina, video in streaming, realtà virtuale ed aumentata, droni e veicoli a guida autonoma
    Codici QR sempre più popolari: imprese e utenti finali a rischio

    Codici QR sempre più popolari: imprese e utenti finali a rischio

    La maggioranza degli intervistati non possiede device protetti dalle minacce e non possiede un software di sicurezza
    Infrastrutture di stampa datate ostacolano la Digital Transformation

    Infrastrutture di stampa datate ostacolano la Digital Transformation

    I progetti legati alla digital transformation trascurano spesso di migrare nel cloud l'infrastruttura di stampa