Quando si parla di blockchain per la tracciabilità, il requisito fondamentale per poter rintracciare un prodotto è la sua unicità, che coincide con l’assegnazione di un codice univoco

tracciabilità dei prodotti

La tracciabilità dei prodotti è un aspetto importante di qualsiasi catena di approvvigionamento ad alta intensità logistica. Consente di risalire a tutti gli articoli contenuti in un container, dalle materie prime al consumatore finale. Questa funzionalità è ciò che permette a settori come quello farmaceutico e della sicurezza alimentare di esistere in primo luogo. Nella maggior parte dei casi, la tracciabilità del percorso di un prodotto è sufficiente per questi settori.

Negli ultimi anni, come espresso in un interessante articolo su Tech4Future, si è riscontrato un utilizzo sempre più frequente della blockchain in tale ambito.

Pur formatesi in un contesto completamente differente (come quello della transazione monetaria), la blockchain ha anche caratteristiche che la rendono perfetta per migliorare il processo di tracciabilità dei prodotti.

L’importanza della tracciabilità dei prodotti per l’industria.

La tracciabilità di un prodotto è una questione molto ampia, che coinvolge la convalida, la verifica e la garanzia dell’origine, della manipolazione e della trasformazione delle materie prime in prodotti finiti.

Per l’impatto oggettivo derivante dal loro volume d’affari, spiccano in particolare tre settori in cui il controllo della filiera è indispensabile per contrastare il fenomeno della contraffazione.

Nel caso della filiera alimentare, stiamo parlando, per la sola Europa, di una base di oltre 500 milioni di consumatori, che consumano miliardi di prodotti ogni giorno. Cosa differenzia un prosciutto da un euro e uno da cinque euro? E ancora, come è possibile garantire la genuinità dei prodotti e scongiurare lavorazioni di bassa qualità in un contesto garantito come D.O.C. o D.O.P.?

Anche il settore farmaceutico dipende fortemente da questo processo, a causa dell’elevato valore aggiunto e dei requisiti di tracciabilità. Oltre ad assicurare la conformità agli standard normativi (GMP), è necessario garantire che i prodotti siano conformi ai requisiti di etichettatura e non contengano ingredienti non dichiarati o allergeni che potrebbero mettere in pericolo la salute dei pazienti.

Anche l’industria manifatturiera lotta quotidianamente con il fenomeno della contraffazione. Il rischio che lotti non autorizzati entrino nei circuiti di distribuzione è reale, soprattutto sfruttando le falle di un sistema che molto spesso manca di organi di controllo a livello internazionale.

La catena di approvvigionamento è diventata più complessa che mai. In media, dal materiale grezzo al prodotto finito, si compie in 15 fasi e può includere diversi Paesi lungo il suo percorso. Oltre a questa complessità, ogni fase ha le proprie regole e normative che devono essere seguite rigorosamente, altrimenti si rischia di compromettere l’intera operazione!

La catena di fornitura odierna è inoltre più integrata che mai: coinvolge più parti su lunghe distanze e spesso attraversa i confini tra paesi in cui possono esistere leggi o standard diversi in materia di salute o sicurezza, ecc.

Ciò significa che i contraffattori hanno maggiori opportunità di sfruttare eventuali lacune nei vostri processi interni o tra i partner per introdurre prodotti fraudolenti nella vostra catena di fornitura.

Come sfruttare la blockchain per la tracciabilità dei prodotti

Quando si parla di blockchain per la tracciabilità, il requisito fondamentale per poter rintracciare un prodotto è la sua unicità, che coincide con l’assegnazione di un codice univoco, essenziale per tracciarlo attraverso tutte le transazioni coinvolte nella catena di fornitura.

La tecnologia blockchain può essere utilizzata per tracciare l’origine dei prodotti attraverso la catena di fornitura, ma non è ideale per tutti i prodotti. I token digitali unici assegnati a ciascun prodotto devono essere non fungibili, il che significa che prodotti identici non possono essere sostituiti l’uno con l’altro. In caso contrario, è necessaria una certificazione di autenticità da parte di terzi in ogni fase della catena.

Il principale vantaggio della blockchain per la tracciabilità è che ci permette di fornire trasparenza e aumentare la fiducia tra tutti gli attori della catena di fornitura. In questo modo, le aziende possono risalire alle origini dei loro prodotti in modo molto semplice e trasparente, dimostrando che i loro fornitori rispettano i requisiti necessari per la qualità e la sicurezza.

La tecnologia presenta anche altri vantaggi:

  • Consente di tracciare in tempo reale ogni fase del processo, evitando incidenti come richiami o ritardi nelle consegne;
  • può essere utilizzata per tutti i tipi di prodotti (non solo alimentari);
  • consente di ridurre i costi perché elimina gli intermediari e riduce la burocrazia;
  • consente di migliorare l’immagine dell’azienda mostrando ai consumatori come si lavora con i fornitori.

In conclusione

È lecito pensare che la tracciabilità delle informazioni diventerà una delle principali sfide per il futuro delle imprese. Si prevede infatti che i fornitori e i produttori saranno sempre più sollecitati a fornire informazioni sulla provenienza di un prodotto, che comprenderanno aspetti quali la data di acquisto dei materiali, la data di fabbricazione del prodotto, il modo in cui è stato trasportato e da chi, il luogo in cui si è trovato in un determinato momento durante il trasporto, quando e come è stato utilizzato, ecc.