La Commissione Europea, con il supporto di HP quale coordinatore, avvia il progetto CoCo Cloud per garantire la sicurezza nella condivisione dei dati su cloud

Parlamento Europeo

La Commissione Europea ha deciso di affidarsi ad HP per  coordinare il progetto CoCo (confidenziale e conforme) Cloud, iniziativa finalizzata a garantire agli utenti sicurezza e riservatezza nella condivisione dei dati su cloud.

“L’obiettivo del progetto CoCo Cloud è quello di gettare le basi per lo sviluppo di un modello di sicurezza per il cloud”, ha affermato Jakub Boratynski, Responsabile della Trust & Security Unit di DG CONNECT, Commissione Europea. “Il progetto permetterà di risolvere i problemi legali e di regolamentazione tra i paesi della UE per garantire un controllo approfondito e una protezione costante dei dati sensibili attraverso soluzioni che si adattano al contesto. Mano a mano che la fiducia nel cloud aumenta, cresce anche la fiducia degli utenti nei servizi su cloud a vantaggio generale dell’economia digitale e della società in generale”.

Sotto la guida di HP, il consorzio del progetto CoCo Cloud elaborerà una soluzione end-to-end sicura, che si estenderà dagli archivi di dati ai dispositivi degli utenti (mobili o fissi) e viceversa, con regole definite dagli utenti per la conservazione, la condivisione e l’accesso ai dati. Inoltre, permetterà la negoziazione fra provider di servizi cloud e utenti finali, in modo da soddisfare le loro esigenze in termini di sfruttamento delle capacità del cloud.

Con HP nel ruolo di coordinatore e responsabile dell’integrazione, il consorzio del progetto CoCo Cloud vede la partecipazione di partner del mondo accademico, come il Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) italiano, l’Università di Oslo e l’Imperial College di Londra e di partner del mondo dell’industria, come Atos, che lavoreranno insieme per offrire soluzioni complete per gli utenti finali Agenzia per l’Italia Digitale (AGID) e Grupo Hospitalario Quirón. Le ricerche legali e il confronto delle politiche internazionali saranno condotti dall’Università di Oslo e da Bird&Bird.