Approvata la legge che prevede l’uso di software liberi e formati aperti per le pubbliche amministrazioni del paese sud americano

uruguay

L’ Uruguay è il primo paese totalmente open source. È stata infatti approvata la legge che obbliga l’uso di software liberi e formati aperti per le pubbliche amministrazioni del paese sud americano. La notizia giunge dopo che qualche settimana fa anche il comune di Monaco di Baviera aveva effettuato la medesima scelta. Si tratta inoltre di una decisione condivisa da numerose aziende di tutto il mondo che, negli ultimi 12 mesi, hanno deciso di affidarsi al software libero sia per ragioni economiche, ma anche perché Microsoft ha annunciato che da aprile sospenderà gli aggiornamenti per Windows XP.

La legge arriva dopo 10 anni di progetti di legge che però non erano mai riusciti a giungere al termine dell’iter legislativo. Oggi l’articolo 3 indica inoltre come sia d’interesse generale che il sistema educativo provveda a promuovere l’uso di software libero.