Secondo Huawei per ottenere una crescita sostanziosa sarà necessaria un’ infrastruttura a banda larga mobile

ict

È necessaria una robusta infrastruttura a banda larga mobile per realizzare la prossima rivoluzione industriale. A dirlo è Ken Hu, Rotating CEO e Vice Presidente del Consiglio di Huawei che, durante il discorso di apertura del Broader Way Forum al Mobile World Congress 2014 ha così commentato: “Sono convinto che la futura rivoluzione industriale sarà guidata dall’ICT”.

L’ICT continua a guidare la convergenza tra il mondo digitale e quello fisico. Non rappresenta più soltanto uno strumento per migliorare l’efficienza, ma un facilitatore e un catalizzatore per la trasformazione di tutti i segmenti. I settori tradizionali dell’ICT come l’istruzione, i trasporti e quello bancario saranno rivitalizzati dal momento che l’utilizzo di Internet e l’ICT sono diventati fondamentali per lo sviluppo del business, ormai particolarmente focalizzato sull’attenzione al cliente e alla customer experience come mai prima d’ora”.

Ken Hu ha inoltre evidenziato come il costo delle reti end-to-end sia una delle principali sfide da affrontare migliorando l’allocazione e l’utilizzo dello spettro, incoraggiando la condivisione di infrastrutture e la continua innovazione di hardware e software delle reti. Per il CEO di Huawei è inoltre necessario un cambio nella regolamentazione: solo la standardizzazione dei processi può ridurre ulteriormente i costi per gli operatori.

Durante l’analisi sulla condivisione di infrastrutture e sulla collaborazione industriale, Paul Scanlan, Presidente del Business e Network Consulting di Huawei, ha aggiunto: “Le nuove tecnologie in mobilità stanno profondamente modificando il nostro modo di vivere e di lavorare. L’ICT è ampiamente citato come strumento di sviluppo economico e pertanto i governi e i leader dell’industria sono alla ricerca di soluzioni che integrino l’ICT come competenza di base, nonché come strumento di riduzione dei costi e di generazione di reddito. I governi devono inoltre vedere l’ICT come un fattore determinante per la trasformazione delle industrie”.