Chiusi 13 siti fasulli e arrestate 3 persone. “Vendevano” prodotti hi-tech a prezzi molto scontati

Truffe online, gli stratagemmi più usati dai criminali

Le truffe corrono sul web e soprattutto nel periodo natalizio i cyber criminali sono molto attivi. Ieri mattina la Polizia Postale di Roma ha infatti messo sotto sequestro 13 siti e-commerce di prodotti hi-tech, arrestando 3 persone e denunciandone altre 4 tra Pescara e Campobasso.

Sono ben 4.000 le vittime ad essere cadute nel tranello della banda che ha realizzato siti ben pubblicizzati su Google e dal forte impatto visivo. Agli utenti venivano offerti prodotti tecnologici a basso costo, ai quali era applicato un ulteriore sconto del 20-30%.

Al fine di convincere anche i più scettici, sui siti incriminati erano presenti partite Iva di vere imprese online, ignare di tutto. Dopo diversi giri bancari che hanno coinvolto anche PayPal i soldi giungevano sui conti correnti dei criminali.