Droni: da tecnologia bellica a macchine industriali?

640

I dieci settori che potrebbero trarre vantaggio dall’adozione di questa tecnologia

Il comparto APR (aeromobile a pilotaggio remoto) ha vissuto un’evoluzione esponenziale dall’inizio dello secolo scorso, con una crescita che è diventata straordinaria nell’ultimo decennio. Se in passato, infatti, i droni erano appannaggio dell’industria bellica, negli ultimi dieci anni questo tipo di attrezzatura è diventata facilmente accessibile alle persone comuni e ad aziende di ogni tipo.

Gli appassionati del genere stanno contribuendo notevolmente alla stabile crescita di questo mercato. Secondo una ricerca di Statista, l’industria dei droni non dà segni di rallentamento. Solamente negli Stati Uniti le vendite del 2018 dovrebbero raggiungere il miliardo di dollari.

Perché i droni sono così popolari?

La risposta è nascosta nel prezzo: non sono mai stati così convenienti. I costi contenuti permettono agli appassionati, agli imprenditori e alle imprese di cercare molteplici modi per sfruttare il potere di questi dispositivi. La crescita deriva, inoltre, dalle industrie che riconoscono nella tecnologia dei droni un’opportunità per tagliare i costi. Non servono quindi solo a scopi militari o ricreativi.

I 10 settori che trarrebbero beneficio dall’uso dei droni nel 2018

  1. Trasporti e logistica. Presto potrebbe essere possibile non dover più andare a prendere fisicamente farmaci, documenti o abiti dalla lavanderia. In futuro, i droni li consegneranno alla nostra porta di casa!
  2. Fotografia e cinema. Venticinque anni fa i registi dovevano noleggiare elicotteri pieni di attrezzatura per filmare ciò che ora si può facilmente realizzare con un drone.
  3. Sicurezza. I droni auto ricaricabili con sensori infrarossi si sostituiranno presto agli agenti di sicurezza nel lavoro di ispezioni notturne in prigioni o aziende.
  4. Mappatura. Raggiungere luoghi difficili e remoti non è mai stato così semplice. Non ci sarà più bisogno di risparmiare per noleggiare un elicottero per esplorarli.
  5. Spettacolo. I droni potrebbero presto diventare la miglior forma di intrattenimento notturno. Un esempio di questo tipo di utilizzo è stato lo spettacolo realizzato con 1000 droni luminosi durante le Olimpiadi invernali e al CES, la fiera dell’elettronica di consumo promossa da Intel, che ha attirato l’attenzione di milioni di spettatori.
  6. Tempo libero. Utilizzare i droni per lo spotting con gli squali, per la pronta consegna di gommoni gonfiabili e per i beacon che sfruttano la tecnologia GPS, ha già permesso di salvare vite in Australia. I bagnini, quindi, presto potrebbero non rischiare più la loro vita.
  7. Agricoltura. Attualmente negli Stati Uniti, più del 30% degli agricoltori usa la tecnologia dei droni e questa percentuale potrebbe raggiungere il 60% entro la fine dell’anno prossimo.
  8. Architettura. Il monitoraggio aereo aumenterebbe la produttività nelle aree di restrizione e diminuirebbe i costi previsti per le ispezioni delle infrastrutture complesse.
  9. Forze dell’ordine. I droni fanno già parte del repertorio di molte stazioni di polizia a livello mondiale. Gli APR potrebbero essere molto efficaci per mantenere la sicurezza pubblica e sorvegliare l’attività criminale.
  10. Ricerca e soccorso. Per i paramedici i droni sono un nuovo strumento per migliorare il loro lavoro. I modelli realizzati con sensori a infrarossi e sensori di gas integrati potrebbero essere mandati in avanscoperta per perlustrare i luoghi colpiti da incendi, o potrebbero essere utili nella ricerca di persone bisognose in aree colpite da disastri naturali.

La tecnologia necessita di un’ulteriore evoluzione e di continuare a essere regolata attivamente, perché l’umanità sarà sempre più dipendente dagli APR. Nonostante il progresso tecnologico sia fantastico, esistono però anche aspetti negativi perché il sempre più diffuso uso dei droni potrebbe costituire un problema per la sicurezza dei dati.

I droni, infatti, sono dispositivi connessi e come per ogni device di questo tipo, subentrano anche rischi per la sicurezza dei dati. Il problema principale sta nel fatto che tali strumenti siano stati progettati alcuni anni fa, prima che si considerasse il cybercrime come una vera minaccia. Pertanto, gli APR non possiedono barriere di sicurezza adatte e possono essere facilmente hackerati per essere usati con finalità illegali. Tutti i dispositivi, per esempio, sono spesso registrati e se un drone mancante viene rubato e usato per spiare qualcuno o violare la privacy dell’azienda, il dipendente che lo aveva in uso potrebbe essere ritenuto responsabile. Un altro rischio è il dirottamento: c’è la possibilità che cyber criminali esperti si impossessino del drone per accedere ad aree proibite, come aeroporti o edifici governativi.