Chiusa la prima edizione di Smau | Italy RestartsUp in London

790

40 startup e i principali innovatori del nostro paese nel cuore dell’innovazione UK

È tempo di bilanci per la prima edizione di Smau | Italy RestartsUp in London, che dal 2 al 4 maggio ha riunito 571 esponenti degli ecosistemi italiano e londinese nell’ambito di diversi momenti di networking, speed pitching e incontri one to one – all’interno di uno spazio espositivo allestito al The Old Truman Brewery – per gettare le basi per future collaborazioni e partnership commerciali.

L’evento è stato aperto dal ricevimento presso l’Ambasciata Italiana, che ha riunito per tutta la serata l’ecosistema dell’innovazione italiano e britannico. A dare il benvenuto agli ospiti l’Ambasciatore d’Italia nel Regno Unito, Raffaele Trombetta, il quale ha sottolineato come la diplomazia debba aprire le porte ispirandosi al modello dell’Open innovation che vede al centro le startup. Una dinamica che Smau porta avanti dal 1964 e che si concretizza grazie anche al supporto di ICE Agenzia con la presenza di Regioni e Provincie e tutti gli attori dell’ecosistema dell’innovazione.

Al The Old Truman Brewery cinque panel tematici hanno ospitato il confronto tra investitori, corporate, startup già affermate sul mercato internazionale e abilitatori su temi quali Smart Manufacturing, Artificial Intelligence, Fintech e di innovazione applicata al Life Science e all’Agrifood. Durante la giornata sul palco dei Live Show e nei diversi momenti di networking hanno partecipato realtà di primaria importanza nella scena londinese come AVIVA, Breed Reply, Central Working, Crowdfooding, Department for International Trade, FGB Associates, Five Seasons Ventures, Healthware Labs, Level39, London Stock Exchange, Mercato Metropolitano -The FarMM, Mind The Bridge, SETSquared, Silverpeak, Startupbootcamp, Techstars London, The Society of Motor Manufacturers and Traders Limited – SMMT, The Bakery, Wayra UK e molti altri.

All’incontro con l’ecosistema dell’innovazione britannico hanno partecipato, dall’Italia: AIFI, Area Science Park, Aruba, Cisco Italia, Clhub, la Developer Academy di Apple, Digital Magics, Digital Tree, Filse BIC, Future Food Institute, Intesa Sanpaolo, presente con 5 startup e, ancora, Italia Startup, iGenius, Istituto Italiano di Tecnologia, Oval Money, P101, Roche e i sistemi regionali dell’innovazione: Regione Campania, Regione Liguria, Regione Emilia-Romagna, Regione Veneto, Regione Sicilia.

A concludere la seconda giornata dei lavori dell’evento SMAU il panel organizzato da iStarter, l’acceleratore Italiano a Londra specializzato nell’aiutare le migliori scaleup ad espandersi globalmente e il party con la community di TechItalia, che riunisce oltre 1500 imprenditori, startups, professionisti digital italiani con base a Londra.

Smau, insieme ad ICE, ha accompagnato nei tre giorni 40 startup provenienti da diverse parti d’Italia come Campania, Emilia-Romagna, Liguria, Sicilia e Veneto tra eventi istituzionali, incontri con gli investitori, confronti con le aziende ed incontri one to one all’interno di un’area espositiva allestita al The Old Truman Brewery. Una missione per creare sinergie tra i due ecosistemi accrescere le occasioni di business per i giovani imprenditori in uno dei luoghi più fertili per chi punta sull’innovazione digitale e che non è passata inosservata agli occhi della stampa italiana e non solo e che è stata supportata da 8 ore di diretta realizzate dalla Radio Ufficiale degli Italiani a Londra LondonOneRadio.

Tra i protagonisti dell’evento Intesa Sanpaolo che ha presentato 5 startup ad alto potenziale. A commento della partecipazione di Intesa Sanpaolo, Mario Costantini, Direttore Generale Intesa Sanpaolo Innovation Center afferma: “Intesa Sanpaolo, attraverso il suo Innovation Center, si propone come motore e stimolo di crescita dell’economia industriale italiana, migliorando la competitività di lungo periodo delle aziende e accompagnandole nei loro processi di innovazione e trasformazione digitale […] Smau rappresenta per Intesa Sanpaolo Innovation Center un partner importante nel supportare le aziende nell’Open Innovation, attraverso occasioni di incontro e confronto in Italia e all’estero con startup, università e centri di ricerca.” Presente anche Cisco, rappresentato da Agostino Santoni, Amministratore Delegato di Cisco Italia, il quale afferma che “SMAU London è una opportunità importante per valorizzare, in uno dei mercati più promettenti in Europa e nel Mondo, un ecosistema di innovazione in crescita, che sceglie il digitale per rafforzare ancora di più le eccellenze che ci distinguono, dall’agroalimentare al manifatturiero.”

In ottica di consolidare la propria posizione oltre confine e di fornire all’ecosistema internazionale gli strumenti tecnologici più efficaci e il know-how per crescere e svilupparsi, ha partecipato anche Aruba. Massimo Bandinelli, Aruba Cloud Marketing Manager commenta così la partecipazione all’evento: “È una collaborazione che dura ormai da anni, ed ora con Smau Londra, il legame Aruba-Smau si consolida anche in un mercato che è tra le eccellenze nel mondo tecnologico.”

Il 4 maggio le startup, insieme alla delegazione italiana presente, hanno avuto la possibilità di visitare alcuni dei principali luoghi dell’innovazione londinesi: IDEALondon, Mind the Bridge, Central Working,Level 39, Techitalia Lab, Intesa Sanpaolo – London Branch.

Il programma di eventi Smau continua con le prossime tappe nazionali e internazionali a Bologna il 7 e l’8 giugno, Berlino il 13-14-15 giugno, Milano il 23-24-25 ottobre e Napoli il 13 e 14 dicembre.