45 anni fa Motorola faceva squillare il primo telefono portatile. Da quel momento, il cellulare è entrato a far parte delle nostre vite come pochi altri oggetti hanno fatto: che si tratti di rimanere in contatto con famiglia e amici o di catturare ricordi mentre si è in movimento, sarebbe difficile immaginare il mondo senza il telefonino.

Il cellulare è solo una parte della tradizione di Motorola, una tradizione segnata da innovazione e da alcuni dei dispositivi che hanno fatto epoca.

1983: Motorola DynaTAC

Il 3 aprile del 1982 Motorola ha introdotto sul mercato il primo telefono cellulare: il Motorola DynaTAC (Dynamic Adaptive Total Area Coverage) era lungo 33 cm e pesava 800 grammi. Pensate che sia un po’ ingombrante? Oggi il Moto X4 è alto circa 15 cm e pesa meno di 250 grammi. Il primo cellulare al mondo offriva circa 30 minuti di utilizzo per carica, poteva memorizzare 30 numeri di telefono e impiegava ben 10 ore per caricarsi. Oggi non sembra certo una rivoluzione, ma nei primi anni ’80 non si era mai visto nulla di simile.

1996: Motorola StarTAC

Nel 1996 Motorola lancia il modello StarTAC, il primo telefono con chiusura “a conchiglia”. Con un peso di poco più di 90 grammi e un’altezza di 10 cm, lo StarTAC era all’epoca il più piccolo telefono disponibile sul mercato. Il primo telefono richiudibile rimase popolare fino ai primi anni 2000.

2004: Motorola RAZR

Quando il RAZR fu lanciato nel 2004, divenne immediatamente l’elemento distintivo di una generazione. Icona culturale a tutti gli effetti, il RAZR V3 originale era il più sottile tra i telefoni richiudibili disponibili sul mercato, e dimostrò che il cellulare non era solo uno strumento di lavoro ma anche un accessorio di moda (Rosa shocking? Oppure rosso o blu?). Il RAZR V3 è stato il cellulare a conchiglia più venduto di tutti i tempi, e il fatto che rappresenti un’icona del design fa sì che alcune persone lo usino ancora.

2016: moto z + moto mods

Nel 2016, Motorola ha presentato un dispositivo che ha completamente cambiato le regole del gioco e ha spostato i limiti a cui un telefono cellulare può arrivare. Il moto z può trasformarsi in un proiettore, in uno smart speaker o in un gamepad grazie ai moto mods. Con le innumerevoli possibilità offerte dalla sua tecnologia modulare, il moto z è più di uno smartphone.