Home News Communication Trend Report 2016: a vincere è l’esperienza

Communication Trend Report 2016: a vincere è l’esperienza

-

Tempo di lettura: 2 minuti

Esperienze virtuali nella vita reale, supremazia delle parti terze e campagne di comunicazione in grado di offrire un reale valore aggiunto sono tra le principali tendenze che caratterizzeranno il 2016. A rivelarlo il Communication Trend Report realizzato da Hotwire che, come ogni anno, evidenzia quelle che saranno le linee guida della comunicazione del prossimo anno. Grande attenzione alla Realtà Virtuale (VR), identificata come connubio perfetto tra l’emozione dell’esperienza e l’analiticità dei dati. Questa rappresenta, infatti, il punto d’incontro per quei brand che vogliono unire emozioni e fatti. I professionisti di marketing hanno l’esigenza di fare proprio questo concetto e assicurarsi di comprendere l’impatto che questa tecnologia può avere sulla strategia, quando può essere usata e quali sono le competenze professionali che richiede.

 

Brendon Craigie, CEO del gruppo Hotwire ha affermato :“Il 2016 sarà l’anno della liberazione dei contenuti. I marketer esperti decideranno di pubblicare i loro contenuti laddove c’è il loro pubblico di riferimento abbandonando l’atteggiamento reattivo della condivisione e attesa per la misurazione del risultato“.”Ci focalizzeremo sulle esperienze reali piuttosto che sulla vendita di un prodotto o di un servizio. Le campagne che avranno successo saranno quelle in grado di risolvere un problema del consumatore o di offrire un’esperienza di valore, fisica o virtuale.”

Dopo anni di concentrazione sui contenuti, il 2016 segnerà il momento in cui i brand dovranno allentare la morsa del controllo. Crescerà la propensione a cercare sempre più terze parti di fiducia per la loro distribuzione: le campagne vivono e si evolvono grazie anche alle dinamiche e alla spinta dei canali per cui sono state sviluppate. Questo porterà, di conseguenza, a una naturale diminuzione di azioni imposte, come improbabili call to action o visite forzate a siti esterni. Si assisterà, inoltre, a un’ulteriore evoluzione: i brand si concentreranno meno sulla mera vendita di un prodotto o servizio, bensì porranno l’attenzione sull’esperienza o il beneficio che essi apportano per raggiungere una specifica audience.

La comunicazione in tutte le sue accezioni e sfaccettature continua a rappresentare un asset chiave per molti brand. Capire quali sono le tendenze che si stanno delineando, investire sulle migliori tecnologie e talenti ed essere sempre più che aggiornati sul mercato sono leve fondamentali per un ottimale ritorno dell’investimento” aggiunge Beatrice Agostinacchio, Country Manager Hotwire Italy. 

Redazione BitMAThttps://www.bitmat.it/
BitMAT Edizioni è una casa editrice che ha sede a Milano con una copertura a 360° per quanto riguarda la comunicazione rivolta agli specialisti dell'lnformation & Communication Technology.
  • Newsletter

    Iscriviti alla Newsletter per ricevere gli aggiornamenti dai portali di BitMAT Edizioni.

  • I più letti

    Lavoro distribuito: prerequisito o benefit?

    Lavoro distribuito: prerequisito o benefit?

    Per sfruttare al meglio i benefici del lavoro ibrido occorre un cambiamento culturale
    applicazioni per smartphone

    Applicazioni per smartphone: un viaggio nel mercato della tecnologia

    Un viaggio all'interno della tecnologia per scoprire tutto sul funzionamento delle applicazioni per smartphone
    Digital divide, continuità formativa e diritto all'istruzione

    Digital divide, continuità formativa e diritto all’istruzione

    Solo il 6,1% degli studenti vive in nuclei familiari dove è disponibile un computer per componente
    Smart working: le 4 tendenze della cybersecurity

    Smart working: le 4 tendenze della cybersecurity

    Pensare passwordless, collaborazione, smart working più sicuro e approccio zero-trust
    5G TIM, velocità record: superati i 4 gigabit al secondo

    TIM abbraccia la trasformazione digitale grazie a SAP

    Il Gruppo TLC italiano ottimizza i processi interni attraverso l'analisi dei dati e abilita lo smart working a 36 mila risorse