Il gruppo di attivisti annuncia pesanti attacchi informatici contro lo Stato Islamico

Tempo di lettura: 1 minuto

Dopo aver attaccato digitalmente lo Stato Islamico a seguito dell’attentato a Charlie Hebdo, Anonymous dichiara ufficialmente guerra all’ISIS. A lanciare il monito è un attivista con la consueta maschera di Guy Fawkes e comparso in un video pubblicato su YouTube subito dopo i tragici avvenimenti di Parigi del 13 novembre.

Vi troveremo, e non vi lasceremo andare“, ha affermato l’hacker. “Lanceremo la più grande operazione mai fatta contro di voi. Aspettatevi degli enormi cyberattacchi“.

.

Se a gennaio, dopo la strage al giornale francese, Anonymous aveva reso inaccessibili alcuni siti legati ai jihadisti, oggi il gruppo punta probabilmente a scoprire l’identità e la posizione dei terroristi, oltre che minare le loro comunicazioni attraverso attacchi DDoS. E’ stato creato inoltre l’hastag #OpParis, con l’obiettivo di chiamare “alle armi” tutti gli hacktivisti del mondo per trovare qualunque informazione sospetta da sognalare alle autorità competenti. 

Nel frattempo arrivano i risutati delle prime campagne hacker: secondo il sito businessinsider Anonymous avrebbe iniziato a pubblicare informazioni personali degli estremisti sospetti, compresi i loro indirizzi fisici.