La convergenza tecnologica sta portando a un’era di banche senza filiali

Tempo di lettura: 2 minuti

L’esplosione digitale globale sta trasformando radicalmente il modo in cui opera il settore bancario e finanziario, alimentando la transizione dalle modalità operative tradizionali a quelle omni-canale. La tendenza verso lo smart banking continuerà a guadagnare velocità ora che le banche cercano di ridurre al minimo i costi operativi e migliorare l’esperienza dei clienti. 

Una nuova analisi di Frost & Sullivan, intitolata Future of Smart Banking, ha identificato 5 tecnologie chiave fondamentali per il passaggio allo smart banking: strumenti di analisi avanzaticloud computingpiattaforme mobilipagamenti digitali e sicurezza informatica. Oltre alle innovazioni tecnologiche e applicative che stanno rendendo possibile la transizione allo smart banking, lo studio evidenzia le prospettive di convergenza tecnologica e presenta le future opportunità di innovazione. 

Le banche intelligenti del futuro sfrutteranno la potenza dell’analisi dei dati per facilitare le decisioni finanziarie in tempo reale, – afferma Debarun Guha Thakurta, analista per il programma TechVision. – Le banche beneficeranno anche della flessibilità e scalabilità dei servizi cloud per offrire servizi superiori ai consumatori.” 

La mobilità si sta affermando come nuova definizione dei servizi bancari di ultima generazione. Una forza lavoro mobile per le banche intelligenti migliorerà l’efficienza e l’esperienza dei clienti. Allo stesso tempo, le applicazioni mobili daranno ai clienti la possibilità di effettuare operazioni bancarie in ogni momento e in ogni luogo. Le applicazioni per i pagamenti digitali basate su smartphone stanno già cambiando l’ecosistema delle transazioni finanziarie. 

Poiché le banche intelligenti dipendono fortemente dalle reti di comunicazione, dai dispositivi utilizzati dagli utenti e dall’integrità dei dati, le innovazioni nell’ambito della sicurezza informatica intelligente saranno fondamentali. Gli sviluppatori della tecnologia devono progettare piattaforme di sicurezza informatica proattive che identifichino gli attacchi sul nascere e che proteggano dalle frodi e dalle minacce mirate. 

L’integrazione di tecnologie sofisticate come l’apprendimento automatico, le applicazioni informatiche sensibili al contesto e le reti neurali rafforzeranno i sistemi di sicurezza intelligenti, – osserva Thakurta. – L’evoluzione del riconoscimento tramite impronte digitali, voce, battito cardiaco e scansione della retina garantirà metodi di autenticazione semplici e accurati, un aspetto cruciale per le banche digitali”. 

I progressi tecnologici e la trasformazione delle procedure porteranno a un’era in cui le filiali virtuali sostituiranno le filiali bancarie fisiche, rendendo così effettivamente possibile lo smart banking. 

Lo studio “Future of Smart Banking” fa parte del programma TechVision di Frost & Sullivan. TechVision è un programma incentrato su innovazione, potenziale rivoluzionario e convergenza che fornisce una serie di avvisi, newsletter e servizi di ricerca basati sulla tecnologia, oltre a servizi di consulenza per la crescita.