Ogni giorno si registrano quasi 118mila attacchi e l’80% delle violazioni sono dovute a software non aggiornati

Il numero delle istanze malware è raddoppiato anno su anno dal 2006, secondo una recente ricerca F-Secure (LINKK). Nel 2014, i cyber-attacchi hanno raggiunto quota 42,8 millioni – ossia 117.339 al giorno o 81 al minuto!

E’ chiaro che con un numero di minacce di questa portata, ogni azienda è un target facile senza un’adeguata protezione contro i malware. In molti casi, un prodotto aggiornato di protezione contro i malware con buone prestazioni in termini di rilevamento e tassi di protezione è sufficiente per deviare gli attacchi opportunistici verso altri bersagli considerati più facili. Al contrario software non aggiornati sono responsabili di oltre l’80% delle violazioni di sicurezza. Per questo,  utilizzare strumenti per la gestione automatica delle patch rappresenta una precauzione elementare di buon senso.

Un’altra importante questione sono i tassi di rilevamento e protezione della soluzione anti-virus utilizzata. C’è una grande differenza nella vita reale tra una soluzione che offre il 97% o il 99,9% della protezione.

Avere quindi sistemi di protezione adeguati e aggiornati contro i cybercriminali consente all’azienda di rimanere focalizzata sul proprio business e non disperdere le energie.

Infografica F-secure