Home Mercato Mercati 2014, Check Point può dirsi soddisfatta

2014, Check Point può dirsi soddisfatta

-

Tempo di lettura: 3 minuti

[section_title title=2014, Check Point può dirsi soddisfatta – parte 1]

Realizzazione di prodotti e tecnologie per la protezione dei dati, ricerche e report sulla prevenzione e la sicurezza delle reti: sono solo alcune delle tanti attività a cui Check Point Software Technologies si è dedicata lo scorso anno. E i risultati, almeno dal punto di vista finanziario, ci sono stati. In primis, il fatturato: 1.496 milioni di dollari, in crescita del 7% rispetto al 2013. Ma tutti i principali indici finanziari presentano segno positivo: l’utile operativo non-GAAP (866 milioni di dollari, pari al 58% del fatturato) così come l’Utile per azione non-GAAP (3,72 dollari, in aumento dell’8% anno su anno).

Ma dietro agli incoraggianti dati economici c’è soprattutto il successo delle tecnologie e dei prodotti messi sul mercato nel 2014, tra i quali ricordiamo:

  • Check Point Capsule: soluzione mobile per la protezione dei dati aziendali e i dispositivi mobili. E’ progettata per prevenire violazioni dei dati provenienti dall’esterno e dall’interno, legando la sicurezza al documento in modo inscindibile, ed estende le policy di sicurezza aziendale per proteggere i dispositivi dalle minacce quando si trovano all’esterno della rete aziendale;
  • Software-Defined Protection (SDP): un’architettura di sicurezza modulare e dinamica, basata su un’infrastruttura a tre livelli che consente resilienza operativa e protezione preventiva in tempo reale;
  • ThreatCloud IntelliStore: il marketplace di informazioni relative alle minacce del mercato, che consente alle organizzazioni di selezionare da una vasta gamma di fonti notizie di interesse;
  • L’aggiornamento dell’intera linea di appliance Smart-1 per la gestione della sicurezza, con cinque nuovi modelli che offrono cyber security management per l’era dei big data;
  • Next-Generation SmartEvent: soluzione di monitoraggio degli eventi per l’elaborazione e l’archiviazione in tempo reale dei dati di threat detection;
  • Check Point Virtual Appliance per Microsoft Azure.

 Numerose anche le pubblicazioni, da ultimo il Check Point Security Report 2014, che fornisce una visione completa sui principali eventi di security che si verificano nelle organizzazioni in tutto il mondo e offre raccomandazioni su come proteggersi.

Continua a pagina seguente

Redazione BitMAThttps://www.bitmat.it/
BitMAT Edizioni è una casa editrice che ha sede a Milano con una copertura a 360° per quanto riguarda la comunicazione rivolta agli specialisti dell'lnformation & Communication Technology.
  • Newsletter

    Iscriviti alla Newsletter per ricevere gli aggiornamenti dai portali di BitMAT Edizioni.

  • I più letti

    Servizi bancari digitali: come cambia il rapporto con la banca

    Servizi bancari digitali: come cambia il rapporto con la banca

    I risultati di un'indagine di HYPE su oltre un milione di clienti
    Cybersecurity: non bastano competenze in campo IT

    Cybersecurity: non bastano competenze in campo IT

    La sicurezza informatica rappresenta una pratica a se stante dal punto di vista di responsabilità e gestione del rischio
    Fintech digital-first: il futuro del settore finanziario

    Fintech digital-first: il futuro del settore finanziario

    In questo periodo di emergenza il settore si è dimostrato all’altezza, rivoluzionando collaborazione tra dipendenti e modalità di lavoro
    Eleonora Faina

    Eleonora Faina è il nuovo Direttore Generale di Anitec-Assinform

    Con la nomina della dottoressa Faina, l’associazione intende rafforzare il proprio contributo alla definizione delle politiche e azioni - nazionali ed europee - in materia di digitalizzazione del Paese
    Physics for Technologies and Innovation: ML alla Cattolica di Brescia

    Physics for Technologies and Innovation: Machine Learning alla Cattolica di Brescia

    Il percorso di studi è erogato in inglese con un’ampia scelta di corsi nei campi di Innovation Management e Data Science