Home News Sicurezza e storage, cosa ci riserva il 2015?

Sicurezza e storage, cosa ci riserva il 2015?

-

Tempo di lettura: 5 minuti

[section_title title=Sicurezza e storage, cosa ci riserva il 2015? – parte 1]

Cresce, da parte delle aziende, la domanda di soluzioni efficaci di storage, e di pari passo cresce la richiesta di garanzie sulla sicurezza dei dati. Questa è la grande sfida del 2015, una sfida impegnativa perché le modalità d’azione del cybercrime sanno sempre adattarsi ai nuovi dispositivi di sicurezza messi in campo di volta in volta dalle aziende.

Ma quali saranno le tendenze 2015 sul fronte e-security? Barracuda Networks prova a fare una previsione:

  • La superficie d’attacco aumenta e cambia: le aziende si stanno spostando dai server fisici e virtuali al cloud pubblico e stanno utilizzando sempre di più il modello SaaS. Tradotto: le “superfici di attacco” a disposizione dei criminali informatici stanno mutando in modo significativo. Un aggiornamento dell’infrastruttura comporta nuovi vettori di minaccia, che devono essere messi in sicurezza. Ad esempio, le aziende che migrano da un Server Microsoft Exchange on site verso Office 365 vedono aumentare le “porte d’accesso” per i malintenzionati, come le e-mail e le applicazioni web.
  • Tutti questi nuovi vettori attireranno i criminali informatici: aumenteranno le minacce legate all’uso del mobile, che risulta particolarmente vulnerabile agli attacchi di social engineering e phishing. I dipendenti delle aziende passano dalle sicure reti aziendali e alle meno protette wi-fi pubbliche e domestiche, mettendo a repentaglio la sicurezza delle informazioni della propria impresa.
  • Aumenteranno gli attacchi alle applicazioni web e gli incidenti DDoS: le applicazioni web rappresentano la superficie di attacco attualmente meno protetta dagli amministratori IT e, di conseguenza, la più esposta. Molte aziende cercano di proteggersi attraverso strumenti inadeguati, come i firewall di rete, ma per questo genere di attacchi è invece essenziale chiudere il protocollo HTTP o HTTPS e analizzare il traffico per identificare e mitigare le minacce. Questo tipo di incomprensione lascia il vettore di minaccia esposto agli attacchi, dando all’amministratore un falso senso di sicurezza.
  • Non aumenteranno i budget destinati alla sicurezza: per proteggere le aziende, i responsabili si troveranno a dover far fronte a più minacce con meno risorse. Ignorare le minacce o dotarsi di un mosaico di sistemi di sicurezza diversi non avrà altro risultato che lasciare le organizzazioni in balia dei criminali informatici.

Sul versante dello storage, il 2015 segnerà il trionfo del cloud.

A pagina seguente, le modalità di adozione secondo Barracuda.

Redazione BitMAThttps://www.bitmat.it/
BitMAT Edizioni è una casa editrice che ha sede a Milano con una copertura a 360° per quanto riguarda la comunicazione rivolta agli specialisti dell'lnformation & Communication Technology.
  • Newsletter

    Iscriviti alla Newsletter per ricevere gli aggiornamenti dai portali di BitMAT Edizioni.

  • I più letti

    Smart Agriculture: nasce Agritech Innovation Hub

    Smart Agriculture: nasce Agritech Innovation Hub

    Protocollo d'intesa tra TIM e Confagricoltura per l’implementazione di tecnologie innovative al mondo agricolo
    Human augmentation: gli italiani i più entusiasti

    Human augmentation: gli italiani i più entusiasti

    Molti credono che sia riservata ai ricchi e temono che il corpo possa diventare bersaglio dei criminali informatici
    Canali di vendita: necessario un cambiamento del mix

    Canali di vendita: necessario un cambiamento del mix

    Con le nuove abitudini dei consumatori è necessario che i canali online coprano le perdite di quelli tradizionali
    TikTok ha scelto Oracle come fornitore di cloud sicuro

    TikTok ha scelto Oracle come “fornitore di cloud sicuro”

    Oracle Corporation  ha annunciato di essere stata scelta per diventare il fornitore di tecnologia cloud sicuro di TikTok.  Questa decisione tecnica di TikTok è...
    C-level, in Italia le retribuzioni più basse dopo la Cina

    C-level, in Italia le retribuzioni più basse

    Meno pagati solo i cinesi. I paesi europei che retribuiscono meglio Ceo e C-Level sono Germania e Svizzera