Home Mercato Mercati Brevetti 2014, IBM batte il record USA

Brevetti 2014, IBM batte il record USA

-

Tempo di lettura: 2 minuti

Oltre venti brevetti al giorno, per un totale di 7.534 patents conseguiti in un solo anno. Sono i numeri dell’innovazione targata IBM, che nel 2014, per il 22°esimo anno consecutivo, ha conquistato il primo posto nella classifica annuale dei brevetti degli Stati Uniti. Record nel record: IBM è la prima azienda al mondo ad aver superato la soglia dei 7.000 brevetti in un solo anno.

Per avere un’idea della forza innovativa di IBM, basti pensare che il totale dei brevetti ottenuti dall’azienda americana nel 2014 supera la somma totale di quelli di Accenture, Amazon, Google, HP, Intel e Oracle. La seconda in classifica, Samsung, è ferma a quota 4.952.

I continui investimenti di IBM in ricerca e sviluppo rappresentano il fattore chiave che guida la trasformazione della nostra azienda, considerando che cerchiamo di cogliere le opportunità emergenti rappresentate da cloud, big data e analytics, sicurezza, social e mobile” ha dichiarato Ginni Rometty, Presidente e Amministratore Delegato di IBM.

Tra i brevetti conseguiti nel 2014, oltre 3.000 (pari al 40% del totale dell’anno) riguardano infatti invenzioni inerenti cloud, analytics, mobile, social e sicurezza. I ricercatori di IBM, inoltre, hanno conseguito oltre 500 brevetti per invenzioni che inaugureranno l’era dei sistemi cognitivi, tra cui le nuove tecnologie cognitive legate a Watson.

Ecco alcuni dei brevetti dell’annata record 2014:

  • U.S. Patent #8,661,132: Enabling service virtualization in a cloud (Consentire la virtualizzazione dei servizi nel cloud)
  • U.S. Patent #8,874,638: Interactive analytics processing (Elaborazione di strumenti di analisi interattivi)
  • U.S. Patent #8,903,360: Mobile device validation (Validazione di dispositivi mobili)
  • U.S. Patent #8,706,648: Assessing social risk due to exposure from linked contacts (Valutazione dei rischi di tipo social a seguito dell’esposizione attraverso i propri contatti)
  • U.S. Patent #8,869,274: Identifying whether an application is malicious (Identificazione della potenziale pericolosità di un’applicazione)
  • U.S. Patent #8,639,497: Natural language processing (‘NLP’) (Elaborazione del linguaggio naturale)

Hanno contribuito al conseguimento del record 8.500 ricercatori, residenti in 46 stati e territori e 43 diversi paesi, hanno permesso all’azienda di battere questo record nel 2014.

Redazione BitMAThttps://www.bitmat.it/
BitMAT Edizioni è una casa editrice che ha sede a Milano con una copertura a 360° per quanto riguarda la comunicazione rivolta agli specialisti dell'lnformation & Communication Technology.
  • Newsletter

    Iscriviti alla Newsletter per ricevere gli aggiornamenti dai portali di BitMAT Edizioni.

  • I più letti

    Prepararsi all'era Phygital con le tecnologie di collaborazione

    Prepararsi all’era Phygital con le tecnologie di collaborazione

    In ascesa i software di collaborazione “all-in-one” per far convergere informazioni e sistemi in tutte le fasi della filiera
    CheckMe: controlla gratis la sicurezza della tua connessione

    CheckMe: controlla gratuitamente online la sicurezza della tua connessione

    Lo strumento ideato da Almaviva utilizza dati circa gli indirizzi IP riconducibili a malware
    Open banking e PSD2 spingono il framework RtP

    Open banking e PSD2 spingono il framework RtP

    Collegato direttamente al sistema ERP, fa in modo che i pagamenti corrispondano automaticamente a quanto stabilito dall'amministrazione
    Il Gruppo Lutech protegge i clienti con Picus Security

    Il Gruppo Lutech entra nell’ecosistema di partner ngena

    L'obiettivo della partnership annunciata dal Gruppo Lutech è quello di supportare le aziende nell’adozione delle reti SD-WAN
    Ransomware: il nemico numero uno del Made in Italy

    Ransomware e minacce cyber: il nemico numero uno del Made in Italy

    Dipendenti fermi, linee produttive bloccate, turni saltati: guasti informatici che richiedono veri e propri riscatti