Il prossimo anno ci riserverà sfide di sicurezza ancora più consistenti, dato che la crescita continua nell’utilizzo dei dispositivi e delle applicazioni mobile e dell’Internet of Things supereranno la capacità delle organizzazioni di proteggere i propri dati critici.

Dispositivi e oggetti, come automobili ed elettrodomestici, sono collegati a Internet sempre più e offrono opportunità maggiori ai malintenzionati per ottenere dati privati dei consumatori ed entrare addirittura nelle loro case“, ha dichiarato Dave Frymier, vice president e chief information security officer di Unisys. “Nel bene e nel male, il mondo digitale sta cambiando più velocemente di quanto facciano i modelli di sicurezza utilizzati dalla maggior parte delle organizzazioni, e questo continuerà a renderci vulnerabili agli occhi dei criminali informatici“.

A tutto questo si devono aggiungere nuovi malware, minacce sempre più mirate, ma anche possibili problemi di sicurezza del cloud e legati allo sviluppo del BYOD: le aziende di tutto il mondo dovranno quindi affrontare sfide molto complesse, mantenendo una protezione a 360° che va ormai ben oltre i confini dell’organizzazione stessa. Sarà pertanto necessario sviluppare nuovi approcci per proteggere i dati critici dagli attacchi di criminali informatici  altamente organizzati.