Dal 1 al 16 dicembre saranno sottoposti ad inchiesta pubblica preliminare numerosi progetti di norma che toccano vari argomenti. Tra questi spiccano i progetti di UNINFO (Ente federato all’UNI per le tecnologie informatiche), che ha sottoposto all’inchiesta pubblica preliminare – fase fondamentale per vagliare le reali esigenze del mercato – quattro proposte di documenti dal titolo “Attività professionali non regolamentate – Profili professionali per l’Ict”. Questa proposta parte da una riflessione di fondo che vede la definizione di profili professionali specifici nel contesto Ict come un valore aggiunto aggregante potenzialmente elevatissimo per tutti i numerosi attori del mercato.

Analizzando più in dettaglio le proposte avanzate da UNINFO troviamo un primo progetto E14D00031 “Parte 1: Metodologia per la costruzione di profili di competenza basati sul sistema e-CF” che nasce per normare la costruzione di profili professionali basati sul sistema e-CF e i profili stessi di generazione 2 e di generazione 3, col fine di facilitarne e uniformarne l’applicazione in differenti contesti operativi che possono differenziarsi per tecnologia e problematiche applicative.

Il secondo documento E14D00032 “Parte 2: Profili di competenza di seconda generazione” intende definire i principali profili professionali per l’Ict di seconda generazione. Entrambi i progetti prendono come riferimento principale quanto già definito nel CWA 16458, ampliandolo e contestualizzandolo alla realtà nazionale.

Il progetto E14D00033 “Parte 3: Profili di competenza relativi alle professionalità operanti nel Web” intende utilizzare gli strumenti messi a disposizione dalla collegata e sopracitata parte 1 per definire i profili professionali di terza generazione relativi alle professionalità operanti nel Web.
L’ultimo dei quattro, il progetto E14D00034 “Parte 4: Profili professionali relativi alla sicurezza delle informazioni” intende utilizzare anch’esso gli strumenti messi a disposizione dalla collegata parte 1 per definire i profili professionali di terza generazione relativi alla sicurezza delle informazioni.

Un quinto progetto di norma in inchiesta, che adotta la norma internazionale ISO/IEC 29100:2011, fornisce invece un quadro di riferimento di alto livello per la protezione dei dati personali all’interno dei sistemi informativi e di telecomunicazione. Si tratta del progetto E14J1G590 “Tecnologie informatiche – Tecniche per la sicurezza – Quadro di riferimento per la privacy” che inquadra aspetti organizzativi, tecnici e procedurali in un quadro di riferimento complessivo per la privacy. Altre norme andranno a collegarsi alla ISO/IEC 29100 in futuro e questa costituirà sempre più il riferimento internazionale in materia, armonicamente alla normativa cogente emessa in ambito europeo, nazionale e internazionale.