Il Video Advertising permette di coinvolgere un target sempre connesso e offre opportunità di crescita ad aziende di qualsiasi dimensione e settore

Tempo di lettura: 1 minuto

Il Video Advertising è stato al centro della terza edizione di “A-Day – Advertising Day: Display the Future”. E’ un’occasione per riflettere sulle opportunità che questo format può consentire alle PMI di creare campagne efficaci e di ottimizzare i ritorni del proprio sito. In uno scenario in cui i video online sono sempre più apprezzati – 24,3 milioni di persone fruiscono di video via PC e 12,3 milioni via smartphone e device mobili – il Video ADV rappresenta una leva d’ingaggio fondamentale per le aziende di qualsiasi settore e dimensione.

L’intervento di Fabrizio Angelini, CEO di Sensemakers, ha analizzato lo scenario digitale mettendo in luce la maturità del mercato italiano in termini di penetrazione dei video online: l’88% della popolazione online su PC e ben il 49% da device portatile guarda video, in linea con i dati degli Stati Uniti e dei principali Paesi Europei. Una tendenza in crescita che offre grandi opportunità al mondo dell’advertising: nell’ultimo anno i minuti per viewer hanno infatti registrato un incremento superiore al 12% e i video per viewer del 25%.

Nello scenario attuale in cui la diffusione di device mobili diventa pervasiva, ciò si riflette in un maggior tempo speso di fronte ai video, dove TV, PC, smartphone e tablet coesistono. Un dato interessante riguarda l’utilizzo dello smartphone mentre si guarda la TV, nel quale il 29% compie azioni legate al contenuto televisivo.

Il Video Advertising offre quindi grandi opportunità di ingaggio, e l’esperienza degli Stati Uniti dimostra che sono i format più lunghi a coinvolgere maggiormente, tanto che la domanda supera l’offerta. In generale il Video ADV si rivela molto efficace, perché consente di raggiungere un pubblico sempre crescente nell’arco della campagna.