L’operatore tlc raggiunge la storage efficiency con riscontri positivi a livello energetico e nella ottimizzazione degli spazi

Tiscali è una delle principali società di telecomunicazioni alternative in Italia che fornisce a privati e aziende accesso a Internet in modalità sia dial-up sia ADSL, voce Voip, media, servizi a valore aggiunto e altri prodotti tecnologicamente avanzati. Per supportare la propria crescita, Tiscali ha deciso di rinnovare il proprio sistema IT affidandosi a NetApp con l’obbiettivo di realizzare un’infrastruttura agile, in grado di soddisfare le esigenze dei clienti e che garantisse la sicurezza dei dati.

Tiscali è sempre stata all’avanguardia nell’applicazione delle nuove soluzioni e azienda beta tester per diverse tecnologie offerte dal provider di riferimento, in particolare quella della storage efficiency. Nello specifico, in qualità di azienda utente, Tiscali ha visto negli anni costruirsi un parco macchine che comportava complessità di gestione e dunque perdita di efficienza, con un conseguente limitato sfruttamento dello spazio su disco. A fronte di un ulteriore investimento, Tiscali ha scelto di affidarsi al Cloud storage del provider, sul quale ha migrato oltre 2 milioni di caselle postali attive, facendo confluire nella server farm del fornitore le macchine di proprietà. Attualmente Tiscali ha installato 1.5PB di storage, backup e recovery degli applicativi e delle infrastrutture virtuali, servizi di Draas e 500 mila utenti attivi.

I maggiori benefici sono stati riscontrati a livello energetico e ottimizzazione spazi. Attraverso l’utilizzo di dischi più capacitativi, è stato ridotto il numero dei rack. Il risparmio sul disco globale è stato mediamente del 18% anche se alcune applicazioni hanno permesso di superare il 70%. Il consolidamento sulla piattaforma del provider ha permesso una riduzione del footsprint riservato allo storage all’interno del Data Center di circa il 40% e di circa il 50% del consumo elettrico. Inoltre la nuova infrastruttura garantisce disponibilità del 99,999%, scalabilità e dimensionamento commisurato alle esigenze aziendali e manutenzione senza alcuna interruzione dei servizi. Anche dal punto di vista gestionale si è verificato un significativo miglioramento con la garanzia di una continua conoscenza aggiornata del servizio e dell’infrastruttura.

Allo stesso tempo, Tiscali collabora con il fornitore per erogare soluzioni as Service dal Data Center di Cagliari. Le due aziende hanno abilitato un modello ibrido, implementando un ambiente di Private Cloud aperto e integrato ai servizi Cloud di Tiscali. Uno dei successi di tale partnership è stata la fornitura di una soluzione di disaster recovery che ha consentito al cliente di raggiungere un’affidabilità del 99,95%.

Il ruolo di ibrido di Tiscali mostra come la tecnologia di base possa abilitare un service provider a erogare soluzioni di SaaS attraverso un’infrastruttura di Cloud Privato e rendere possibile, mediante un altro Private Cloud di un’azienda esterna, una movimentazione molto agile dei dati per integrarsi con i servizi Cloud erogati da un service provider.