Crowdfunding: un fenomeno in esplosione

[section_title title=Genesi, demografia, criticità]

Genesi, demografia e criticità

Nato nel 2005 con Produzioni dal basso, cui hanno fatto seguito altre esperienze pionieristiche fino al 2011, il crowdfunding in Italia è ‘esploso’ in tutta la sua potenzialità solo dal 2012 ad oggi. La maggior parte delle piattaforme ha sede nel Nord Italia, anche se iniziano ad esserci realtà anche al Sud. Andando a guardare gli aspetti demografici, i fondatori e soci delle piattaforme hanno tra i 30 e i 50 anni, e nella maggior parte dei casi (oltre il 70%) hanno un titolo di studio equivalente o superiore alla laurea. La presenza di donne è in crescita e iniziano a registrarsi piattaforme tutte al femminile. Per quanto riguarda il numero di soci, la media si aggira intorno ai 5 soci per piattaforma, che in molti casi lavorano a tempo pieno sul progetto.

L’idea di aprire la piattaforma solitamente viene dal contatto con esperienze straniere (soprattutto americane, ma anche europee) e dalla volontà di replicarle nel nostro Paese. Alcune piattaforme nascono da un’attenta analisi del mercato e del pubblico di riferimento, ma la maggior parte sono accomunate dalla volontà di offrire un’alternativa alle istituzioni finanziarie tradizionali, come soluzione alla crisi economica, la stretta al credito delle banche verso le imprese, la difficoltà quindi di trovare finanziamenti pubblici e privati, le incertezze sul tax credit, la situazione poco favorevole per le startup e l’innovazione in Italia. Altra motivazione è tentare di fare qualcosa di utile per la comunità. Le principali criticità riscontrate dalle piattaforme sono legate alla scarsa cultura sul crowdfunding in Italia, sia a livello di donatori che di progettisti (in particolar modo nel settore non profit), che però sta rapidamente evolvendo, anche grazie al ruolo attivo delle stesse piattaforme, che iniziano ad affrontare questa problematica, organizzando eventi, conferenze, azioni mediatiche, riunendosi in network e associazioni, per diffondere la cultura del crowdfunding a livello nazionale.