Un investimento nella rete di telecomunicazione mobili migliora le prestazioni, aumenta la fidelizzazione degli abbonati e incrementa i ritorni economici

Gli investimenti nella qualità della rete si traducono in migliori ritorni finanziari per gli operatori, generati non solo da un risparmio sui costi, ma anche da un aumento dei ricavi. A dirlo è Ericsson che ha recentemente pubblicato un studio che dimostra come che gli investimenti nelle reti di telecomunicazione mobili producono un aumento del 5.5% dei guadagni sui servizi e un miglioramento del 6.4% del margine EBITDA, come nel caso dell’aumento del 10% di investimenti per un operatore in Brasile.

È stato infatti creato un complesso modello di simulazione basato sulla raccolta di numerose metriche, su tre anni di dati trimestrali provenienti da tre diversi mercati: Brasile, Messico e Stati Uniti. L’analisi del mercato messicano e statunitense ha dimostrato la stessa forte relazione tra investimenti, prestazioni e risultati finanziari di quello brasiliano, anche se con alcune differenze a causa delle diverse condizioni di mercato dei diversi Paesi.

Ericsson 1

“Risulta evidente il collegamento fra investimenti mirati, che portano a un miglioramento della performance di rete, e la fidelizzazione degli abbonati, che si traduce in migliori performance sul mercato e migliori ritorni finanziari” ha dichiarato Johan Haeger, Head of Tactical Marketing, Business Unit Networks di Ericsson.

Questa correlazione è confermata dal fatto che la diminuzione di un punto percentuale nel tasso di abbandono per un operatore brasiliano ha avuto come conseguenza un aumento del 6.86% delle rendite da servizi due trimestri più tardi. Il miglioramento delle rendite finanziarie deriva non solo da un risparmio sui costi, ma anche dalla crescita dei ricavi.

Ericsson 2

 

I risultati statistici descritti nello studio possono essere applicati in analisi di scenario sui singoli operatori. Queste simulazioni dimostrano comunque che una strategia di mercato orientata all’investimento porta a ritorni finanziari significativi, oltre a creare vantaggi competitivi sostenibili, come un tasso di abbandono più basso, una maggiore quota di mercato.

Questi benefici si vengono a creare prima che la concorrenza abbia il tempo di reagire.