Infettate le versioni comprese dalla 6 alla 11. Fino al rilascio di un pacchetto correttivo è opportuno utilizzare un altro browser.

Tempo di lettura: 1 minuto

Gli utenti che utilizzano Internet Explorer sono a rischio. È stato infatti riscontrato da parte dei ricercatori FireEye un exploit kit potenzialmente molto dannoso presente in tutte le versioni comprese tra la 6 e la 11. A correre un pericolo concreto è quindi il 26% degli utenti online. Questo perché, essendo una vulnerabilità zero-day, fino a quando Microsoft non rilascerà una patch correttiva i cyber criminali potranno agire indisturbati. L’exploit kit consente infatti loro di agire sui dispositivi infettati da remoto potando in esecuzione il codice arbitrario che può provocare danni molto ingenti. Inoltre si nota un’elevata capillarità dell’exploit perché è sufficiente una sola visita ad un sito infetto per compromettere il proprio browser.

Finché la società di Redmond non rilascerà un pacchetto correttivo, è opportuno utilizzare temporaneamente un altro browser.